Serie A, sprazzi di Mondiali

Nella partita tra Genoa e Juventus al Ferraris, con Tevez indisponibile ed un occhio di riguardo per la sfida in Europa League di giovedì, in attacco ha trovato spazio l’attaccante azzurro Daniel Osvaldo. Vista la carenza di veri e propri goleador, in vista dei Mondiali la prestazione dell’ ex giallorosso rivestiva una certa importanza. La doppietta segnata da Osvaldo contro il Genoa però, è valsa ben poco visto che i suoi gol sono stati misteriosamente annullati da un disastroso Mazzoleni, quest’ultimo in stato confusionale anche in occasione di due rigori, uno fischiato (giustamente) ed uno no. La Juventus intanto, è andata quasi in difficoltà contro il miglior Genoa della stagione. Il migliore, se non fosse stato per gli attacchi di “debolezza fulminante” che hanno colpito Calaiò mentre tirava il calcio di rigore e Antonelli quando gli è capitato tra i piedi un pallone che doveva solamente essere spinto in rete. La partita sembrava destinata ad un risultato di parità, ma ai gol annullati di Osvaldo e al rigore parato da Buffon, è seguita una punizione magistrale del solito Pirlo, che ha sbloccato la partita regalando ad Antonio Conte altri 3 punti ed un esultanza degna di una finale di Champions League. {ads1} Se da un lato la nazionale di Prandelli trova delle certezze nei campioni del mondo del 2006, dall’altro vede il bomber Balotelli al centro della contestazione dei tifosi milanisti, stanchi delle prestazioni di basso livello di Super Mario e compagni. Il tutto è stato condito con il disastroso 2-4 nel nome di Antonio Cassano, che ha costretto alcuni rappresentati della tifoseria rossonera ad un faccia a faccia proprio con Balotelli, Seedorf, Bonera, Abate e Kaka. Le manifestazioni dei tifosi, come il confronto, sono avvenute in maniera pacifica sia dentro che fuori dal campo. Comunque sia, se in chiave Nazionale poco interessano le prestazioni del Milan, quelle di Balotelli potrebbero rendere carente un reparto che conta quasi esclusivamente sui suoi gol, tanto da difenderlo in passato ad ogni sua ragazzata, in nome del suo talento. Nel Parma di Donadoni, intanto, si fa strada sgomitando Antonio Cassano, che contro i rossoneri ha messo a segno una doppietta, rilasciando nel post partita un’intervista ancor più bella. I messaggi sono chiari, a partire dalla sua forma fisica, quando ha confessato di non essere più un “cicciobello”, perché grazie alla dieta si sente più leggero e mangia “la focaccina solo una volta alla settimana”, mentre sul Mondiale Fantantonio confessa: “ io meglio di così non posso fare. Non so se ho possibilità, ma sto facendo di tutto per mettere in difficoltà Prandelli”. Poi la parte più commovente: “ non ho mai fatto un Mondiale e mi piacerebbe tanto. Ci spero. E ci spero tanto, sarei l’uomo più felice del mondo”. Se la Nazionale in Brasile avesse la voglia che Cassano ha trasmesso attraverso quest’intervista, forse qualche speranza la potrebbe avere e forse Balotelli potrebbe segnare più gol. In questo senso, Fantantonio farebbe proprio al caso suo.

A Firenze invece, è stato Alessandro Matri a fare uno squillo a Prandrelli con il suo gol, anche se a dare spettacolo nel 3 a 1 contro il Chievo, sono stati soprattutto Pizarro e Cuadrado con un’azione da cineteca, e Mario Gomez, al secondo gol consecutivo dopo l’infortunio. In attesa delle partite di Roma e Torino, saranno da valutare anche le prestazioni degli attaccanti più giovani come Cerci, Immobile e Destro, quest’ultimo messo esageratamente in discussione da una frangia di tifosi e giornalisti nonostante la sua invidiabilissima media gol. Saranno mesi decisivi per entrare nelle grazie del Ct Prandelli, e forse il giusto connubio tra giocatori giovani e giocatori esperti potrebbe essere l’arma vincente. Un Cassano così, il Mondiale deve giocarlo.

Tutti i risultati di Serie A

 

 

Vuoi commentare l'articolo?

Alex Marino

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->