Pallavolo maschile: 9^ giornata di campionato, cade anche la Lube

La sua voglia di vincere non è bastata però a rimettere in sesto una squadra dimezzata anche dall’ultimo infortunio, quello di Starovic, fermato da problemi al ginocchio. Così i padroni di casa hanno fatto quel che hanno potuto, dopo aver chiuso il primo set 19-25 a favore degli emiliani, che si sono imposti grazie soprattutto al muro e all’uomo chiave Celitas con 21 punti in attacco. La Lube ha cercato la rimonta nel secondo set e l’ha trova grazie alla grinta di Parodi (100% in attacco) riuscendo a portare a casa il set sul 25-20. Ma la ripresa è stata solo un’illusione perchè gli emiliani hanno lasciato poco spazio alle speranze dei padroni di casa giocando una partita impeccabile e costringendo il ct Giuliani a cambiare metà del suo sestetto nel terzo set con Monopoli, Lampariello e Randazzo rispettivamente al posto di Travica, Kooy e Zaytsev. Tutto inutile, la Lube è riuscita a malapena ad arrivare al 18-25. Il quarto set è stato una continua rincorsa e alla fine l’ha spuntata di nuovo Modena che ha chiuso i giochi sul 23-25.

Le parole di Giuliani a fine partita: “Una sconfitta arriva sempre per merito dell’avversario ma anche per demeriti propri. La sconfitta era una cambiale che prima o poi avremmo dovuto pagare, e l’abbiamo fatto oggi, a conclusione di un periodo in cui dobbiamo purtroppo far convivere con i tanti impegni che dobbiamo affrontare, dei fattori non proprio positivi come il fatto che non riusciamo mai ad allenarci con la rosa al completo, che sempre a causa delle assenze in partita abbiamo poche soluzioni tattiche a disposizione, insomma, siamo costretti a navigare costantemente a vista. Il sestetto che è sceso in campo oggi, tanto per rendervi conto, in settimana si è praticamente allenato con la nostra squadra di B1. Inutile comunque piangere sul latte versato, l’importante ora è recuperare i giocatori recuperabili, e andare avanti a testa bassa“.

Grazie alla vittoria di Modena Trento scavalca di due punti Macerata e si piazza in vetta alla classifica, dopo aver vinto per 3 a 1 contro Piacenza, che ha tentato di ribaltare il match vincendo il secondo set, ma è stata subito fermata dai campioni trentini, grazie alle martellate di Stokr e Juantorena. Anche Cuneo risale la classifica fino al terzo posto dopo la vittoria secca per 3 a 0 contro Ravenna, scontro scontato che ha dato pochi grattacapi a Mastrangelo e compagni. Un altro match chiuso sempre in tre set è stato quello tra Perugia e Ravenna (3-0), dove per la squadra ospite c’è stato ben poco da fare di fronte alla concretezza e la solidità dei padroni di casa.
Invece sorpresa Castellana Grotte che ritrova la vittoria per la seconda volta in campionato contro un’avversaria di tutto rispetto come Latina. Castellana lotta a denti stretti fino al tie break, dove strappa di mano la vittoria agli avversari grazie ai 20 muri complessivi di Yosifov e Cester.
Ultima annotazione l’anticipo di sabato 1 Dicembre che ha visto la vittoria di Vibo Valentia contro Verona in tre set secchi senza appello.

3 Dicembre 2012

Vuoi commentare l'articolo?

Filomena Casciani

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->