Napoli e Milan: fuga per la Champions

“Dovete imparare a parlar bene in settimana”. Parole e musica dell’arbitro Mazzoleni che, durante l’intervallo della partita tra Pescara e Chievo, avrebbe così risposto al ds degli abruzzesi Delli Carri in merito ad un chiaro rigore non concesso alla squadra di casa per un fallo di mano in area di Andreolli. Il riferimento sarebbe riconducibile ad alcune dichiarazioni del presidente del Pescara Sebastiani, che in settimana si era lamentato per la scarsa tutela verso i club minori:” Le squadre cosiddette piccole forse vengono poco aiutate. C’è sudditanza psicologica perché è normale dare con più facilità un rigore alla Juventus piuttosto che al Pescara o al Genoa”. Ora, premettendo che è ancora da verificare che Mazzoleni abbia realmente detto una frase del genere anche se l’esposto presentato da Sebastiani alla Figc con tanto di testimoni lascerebbe pochi dubbi, è possibile che l’arbitro abbia deciso di agire in questo modo di testa sua o la direttiva è arrivata dalle alte sfere? Al di là della risposta, che tuttavia appare scontata, questo vergognoso episodio dimostra ancora una volta come gli arbitraggi sui campi italiani siano influenzati e condizionati, se non addirittura pilotati. Adesso la patata bollente passerà alla Figc, ma un arbitro che si rivolge a dei dirigenti in questi termini andrebbe quantomeno radiato. Per la cronaca, il Pescara ha perso la partita 2-0, dicendo forse definitivamente addio alle speranze di salvezza.

Intanto iniziano a delinearsi le posizioni di alta classifica. Napoli e Milan, trascinati da Cavani e Balotelli, vincono contro Atalanta e Palermo, cercando così l’allungo sulle altre pretendenti per la Champions. Per i partenopei è di fondamentale importanza il ritorno al gol di Cavani, che con una doppietta allontana così le chiacchiere sul suo futuro, almeno fino alla prossima partita. Doppietta anche per Balotelli, sempre più a suo agio nelle vesti di trascinatore dei rossoneri, visto soprattutto il calo fisiologico di El Shaarawy. L’unica squadra che al momento potrebbe ancora portare insidie sembrerebbe essere la Fiorentina, vittoriosa e fortunata contro il Genoa, a -3 dai rossoneri.

Staccate di sette punti dalla zona Champions ecco un terzetto di squadre tutto rispetto: Inter, Lazio e Roma. Detto che i nerazzurri hanno una partita in meno, visto il rinvio di Samp-Inter, stati d’animo completamente diversi vivono le due squadre romane. I giallorossi, sotto la guida di Andreazzoli, continuano a vincere, e festeggiano l’aggancio ai cugini a due giornate dal derby. La Lazio invece continua ad alternare vittorie in coppa a sconfitte in campionato: la speranza per i biancocelesti è di recuperare qualche pezzo importante durante la sosta per le nazionali. Pareggio scialbo e senza emozioni tra Siena e Cagliari.

Vuoi commentare l'articolo?

Cristian Policella

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->