Juve Monaco: bianconeri a un passo da Cardiff

Juve Monaco – Troppo forte e solida la Juventus vista ieri sera allo stadio Luis II di Montecarlo. Nello scontro generazionale che vedeva opposti il frizzante Monaco, una delle squadre più giovani del torneo, a una delle più vecchie, cioè la Juventus. Ad aver dimostrato di avere le qualità indispensabili per portare a casa partite così importanti è stata la seconda. Così come la sfida tra bomber, tra Higuain e il diciottenne Mbappè (davvero fenomenale) è stato il primo a mettere il sigillo sul match con una doppietta importantissima. Importantissima perché quasi certamente manderà la Juve a Cardiff, almeno a giudicare da ciò che si è visto ieri sera.

Juve Monaco: i monegaschi – Intendiamoci, il Monaco ieri non ha giocato male e non ha demeritato. Anzi, è riuscito a mettere la Juventus sulla difensiva e a essere anche più pericoloso di quanto sia stato il Barcellona nell’ultimo match di Champions. I francesi, infatti, palleggiano bene e con grande tecnica, ma sono anche concreti: più volte hanno messo in affanno la difesa della Juve ed è stata necessaria tutta la classe di Buffon per salvare il risultato. Ma detto questo avrebbero bisogno di un vero miracolo per scompigliare, a Torino, la difesa più forte della Champions League. Punteranno sull’entusiasmo, certo, ma le reali possibilità sono ridotte dato che anche i monegaschi sono impegnati nella conquista del campionato francese, e quindi non potranno concentrare le risorse solo sulla sfida dello Juventus Stadium.

Juve Monaco: i bianconeri – La Juve è stata la squadra solida e cinica che siamo abituati a vedere e che abbiamo ammirato col Barcellona. I bianconeri sono scesi in campo sicuri e determinati e subito hanno creato problemi al portiere del Monaco, ma quando i padroni di casa hanno iniziato ad attaccare la Juve si è coperta, ha fatto sfogare gli avversari, anche subendo un pelo troppo e ha colpito in contropiede con un’azione iniziata con un colpo di tacco di Dybala e chiusa dall’assist per Higuain, sempre di tacco, di Dani Alves. Insomma, la Vecchia Signora apepna può dà spettacolo, ecco … appena può. I calciatori di Allegri sanno leggere i momenti della partita e sanno anche subire, oltre che far male in attacco, e questa è una grande dote che ha reso la Juve la corazzata che è quest’anno, anche in Europa.

Vai alla home page di LineaDiretta24

Vuoi commentare l'articolo?

Francesco Corrado