Fognini passeggia sul fantasma di Seppi

 Il numero 24 al mondo (best ranking) parte bene, strappando subito un break all’avversario. In poco più di 8’ rischia anche di portarsi sul 3-0, ma deve fare i conti col ritorno del diesel-Seppi, che rimonta fino al 3 pari. L’altoatesino però non è capace di mantenere lo scambio lungo e soffre l’iniziativa del ligure. Fognini ruba ancora il servizio e torna a macinare un grande tennis, fatto di smorzata chirurgica e di dritto micidiale. Deve però sudarselo, il 6-4: prima di alzare bandiera bianca Seppi riesce a neutralizzare ben 7 palle set.

A questo punto dall’altoatesino sarebbe lecito aspettarsi altra verve. E invece il Seppi che scende in campo è un fantasma spento e a tratti rinunciatario, che agevola l’impresa del “fogna” sparando a rete una quantità inimmaginabile di palle. Quel giocatore che l’anno scorso su questa terra superava Wawrinka e Isner era fatto di altra pasta. Ma a Fognini va bene così. Il ligure mette a segno due break, si porta sul 3-0 e quindi mantiene il servizio per il 4-0 che affossa definitivamente Seppi. Tanto che la chiusura a 6-1 arriva con facilità disarmante, grazie all’ennesimo regalo dell’avversario.

La cura di José Perlas deve aver fatto bene al tennista ligure. Il fu allenatore di Moya, Ferrero e Almagro (200 mila euro la parcella annua) sembra essere riuscito nell’impresa di “regolare” la testa del rampollo di famiglia Fognini. Compito sicuramente arduo, visto che “il fogna” è capace di costruire un tennis eccelso per 15-20 minuti per poi buttare tutto al vento con ormai proverbiali passaggi a vuoto. Certo, trovare Nadal al prossimo turno rischia fortemente di compromettere la sua esperienza agli Internazionali. Sarà però un banco di prova. Inevitabile, se si vuole diventare grandi.

Vuoi commentare l'articolo?

Mauro Del Prete

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->