Ferrer sorprende Nadal e aspetta Nole

Regolare e convincente la testa di serie numero 3, nonché ex numero 3 del mondo più ignorato della storia, fin dai primi scambi è padrone della situazione. Conquista il primo break decisivo quasi da subito e non molla fino al secondo set, dove la costanza viene abbandonata per un momento: brekka, ma si fa controbrekkare. Ed è quì la svolta, mentre tutti pensano: ‘ecco è arrivato il momento della stretta di Rafa e del braccino di David’, lui tiene duro e mette a segno il colpaccio. Finisce 6-3, 7-5 in circa 1 e 40 di gioco. Dopo 25 incontri condotti 20 a 4 per Nadal è arrivata la riscossa; ‘il topolino ha ruggito’.

L’altra semifinale che era la più attesa non ha fatto della regolarità il suo punto forte. Sia Roger che Nole hanno sbagliato tanto, ma sia l’uno che l’altro hanno fatto vedere cose che di consueto su un campo da tennis non sono visibili. Federer si gioca bene il primo set, ma d’altra parte c’è un Nole nervoso che piazza 3 doppi falli nei primi 4 game. Lo svizzero è subito sopra 3-1, porta a casa agevolmente il primo set e per un po’ fa il Ferrer di giornata. Poi, come succede da quando l’elevetico ha perso l’istinto del killer, arriva per lui il primo e fatale passaggio a vuoto. Dopo aver salvato nel secondo set la  quarta palla break con due ottime prime, il serbo si sveglia dal torpore e fa funzionare meglio il rovescio lungo linea così al 5 gioco strappa il servizio all’avversario e sfrutta il vantaggio. Tutto da rifare per lo svizzero, ma mancano gli anni e l’aggressività di un tempo, così il numero 2 può rilassarsi e far vedere come saper essere spietati. Si spegne la luce per Federer e si accende Nole. Prima della fine c’e’ tempo per qualche sprazzo di gran tennis che va immagazzinato nella memoria perchè finchè questi protagonisti giocheranno ancora insieme ogni momento va gustato. Tra l’altro si incontreranno di nuovo a breve perchè il sorteggio del girone delle Finals di Londra li vuole contrapposti fin dall’inizio, sarà dunque a breve rivincita o conferma. Inatnto Bercy dice 4-6, 6-3, 6-2 in favore di Djoker che ora farebbe bene a non sottovalutare Ferrer…

 

 

 

Vuoi commentare l'articolo?

Daniela Lazzari

Giornalista per sport’ nel senso letterale, ma anche metaforico del termine… Da diversi anni si aggira nei meandri della redazione per infastidire colleghi e mettere a disagio i lettori. Ci sta riuscendo alla grande. Questo la spinge a proseguire e a perseverare con devozione nel suo lavoro. Interessi? Tanti. Se fai molte cose, si sa, finisci per farne bene poche. Forse blaterare on line di sport e tutto il resto è una di quelle poche. Difetti? Troppi. Pregi? Non troppi. Diceva il buon vecchio Einstein : “Ci sono due modi di vivere la vita. Uno è pensare che niente è un miracolo. L'altro è pensare che ogni cosa è un miracolo”. Il fatto che stiate ancora leggendo queste righe ha un ‘non so che’ di miracoloso…

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->