Domani al via le gare di biathlon ad Hochfilzen

quello di Ostersund in Svezia. Le danze si sono aperte domenica 24 novembre con la staffetta a squadre, una gara bellissima che ci ha regalato un quarto posto davanti a potenze come Germania, Russia e Francia. La vittoria va alla Repubblica Ceca, con Norvegia ed Ucraina sul podio. Il tutto però solo dopo un finale rocambolesco proprio grazie all’atleta più forte in circolazione: Martin Fourcade. Infatti quando si era ormai alla quarta frazione la Francia aveva un vantaggio notevole sulle inseguitrici, vantaggio creato dalle due frazioniste Dorin e Brunet, poi ben amministrato da Simon Desthieux ed incrementato dallo stesso Fourcade fino all’ultimo poligono. Quando nessuno pesava seriamente che i transalpini non potessero vincere, il più forte biatleta in circolazione va nel pallone e non solo sbaglia quattro bersagli, ma usa male due delle ricariche e riparte senza usare la terza: penalità di due minuti e Francia che si ritrova alle spalle dell’Italia. Al di là dei pochi minuti di follia di Fourcade c’è da rimarcare la prova davvero ottima della metà femminile della nostra staffetta: Karin Oberhofer e Dorothea Wierer. {ads1} Dopo la staffetta a squadre, giovedì 28 si sono svolte le gare individuali. Anche in queste prove le cose sono andate benissimo per i nostri colori con il risultato storico di piazzare, due atlete (Oberhofer e Wierer) nelle prime dieci posizioni. Bene! La vittoria è andata a Gabriela Soukalova, che ha iniziato la stagione in modo imperioso esattamente come aveva chiuso la precedente, quest’anno bisogna fare i conti con lei. Nella gara maschile è stato Fourcade a stravincere rimediando subito agli errori commessi nella staffetta e placando le critiche che inevitabilmente l’avevano colpito. Anche in questa gara ci sono stati motivi di soddisfazione per i nostri colori con De Lorenzi e Lukas Hofer tra i primi dieci. Nelle successive gare sprint di venerdì (donne) e sabato (uomini) la vittoria sono andate alla norvegese Flatland, seguita dalla Zaitseva e dalla detentrice della sfera di cristallo Tora Berger, e tra gli uomini al solito Fourcade seguito dallo svedese Lindstroem e dallo statunitense Burke. Il vento che ha flagellato la località svedese di Ostersund ha poi reso impossibile lo svolgersi delle gare ad inseguimento in programma domenica scorsa.

Vuoi commentare l'articolo?

Francesco Corrado

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->