Confederations Cup: Italia bella e incompiuta, la Spagna ringrazia e vola in finale

Peccato. Un’occasione come questa per ridimensionare lo sconfinato ego del calcio spagnolo difficilmente ci ricapiterà. E sì perché l’Italia nella semifinale della Confederations Cup contro la Spagna domina per lunghi tratti, imbrigliando il tiki-taka spagnolo con un gioco aggressivo, fatto di tanto pressing, grande densità in mezzo al campo, dove Xavi fa fatica a ragionare, e un’incredibile spinta sulle fasce, soprattutto sulla catena di destra, dove Maggio e Candreva fanno la differenza, mandando al manicomio Jordi Alba e Silva, mentre a sinistra Giaccherini si sbatte come al solito, facendo da tramite tra centrocampo e attacco, sempre pronto a ripiegare in fase difensiva in caso di necessità. Una prestazione perfetta quella degli azzurri, rimasta incompiuta per lo scarso peso in area di rigore, dove Gilardino ha dimostrato di non avere più lo smalto e il senso del gol di una volta, rendendo vana l’incredibile mole di gioco prodotta dagli azzurri.{ads1}Una partita preparata molto bene da Prandelli, che per l’occasione ha rispolverato la difesa a tre, con il chiaro intento di intasare la zona centrale del campo e rendere così difficile alla Spagna sia il fraseggio nello stretto, sia la ricerca della verticalizzazione. E così il torero si scopre toro impaurito e timoroso fino alla crudele lotteria dei rigori, che ancora una volta, come all’Europeo del 2008, premia le “furie rosse” che godono dell’errore di Bonucci e mettono ora nel mirino il Brasile, che attenderà i campioni del mondo in finale.

Gli azzurri invece si dovranno accontentare di disputare la finalina per il terzo posto contro l’Uruguay di Suarez e Cavani, partita nella quale l’Italia dovrà dare un’ennesima dimostrazione di maturità. Il progetto di gioco di Prandelli appare comunque essere sempre più solido e propositivo, ed ora semmai il problema in vista del Mondiale della prossima estate sarà quello di reperire forze fresche in alcuni ruoli chiave: in difesa Barzagli e Chiellini hanno bisogno di ricambi all’altezza, uno dei quali potrebbe essere Ogbonna, mentre in attacco è chiaro che Gilardino non può essere la prima alternativa a Balotelli.

 

Vuoi commentare l'articolo?

Cristian Policella

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->