Classifica in stand-by, gioisce solo il Milan

 

Un pareggio che sa di occasione persa. Una sola frase che può però accumunare lo stato d’animo di almeno quattro squadre, Napoli, Inter, Fiorentina e Roma. Si perché nella ventunesima giornata della Serie A erano ben due i big-match da tenere d’occhio: prima quello di mezzogiorno e mezza tra Fiorentina e Napoli, poi quello serale dell’Olimpico tra Roma ed Inter. Due partite terminate con lo stesso risultato, un 1-1 che non accontenta nessuno. Serviva una vittoria a tutte quante. Il Napoli voleva vincere a Firenze per mantenere le distanze dalla Juve e staccare la Lazio; la Fiorentina cercava la vittoria per accorciare sulla zona Champions; l’Inter per le stesse motivazioni dei viola; mentre la Roma aveva bisogno dei tre punti per cercare di salvare una stagione che sta prendendo la strada del fallimento, forse ancor più del campionato scorso sotto la guida di Luis Enrique. Tutte speranze rimaste inattese.

E dire però che chi si è goduto la partite dalla poltrona di casa si è sicuramente divertito. Fiorentina e Napoli hanno allietato il pranzo domenicale dei tifosi italici. Il merito è soprattutto dei partenopei, che hanno offerto un calcio di grande qualità, con Inler ed Hamsik a spadroneggiare a centrocampo ed il solito Cavani lì davanti. La squadra di Montella ha comunque il merito di essere riuscita a tener testa agli uomini di Mazzarri senza mai rinunciare alla fase offensiva. Il risultato finale è frutto soprattutto delle incredibili occasioni da gol sciupate da entrambe le squadre sottoporta: se per il Napoli non può sempre pensarci Cavani, per la Fiorentina questo è un problema cronico, che già molti punti ha fatto lasciare per strada ai viola. Qualcosa di più ci si aspettava dal posticipo domenicale tra Roma ed Inter. I giallorossi, come al loro solito, partono a mille, dominando per la prima mezzora e concretizzando la supremazia grazie al rigore realizzato da Totti. Ma dopo il vantaggio gli uomini di Zeman escono dal campo e subiscono inevitabilmente il pareggio.

Nel secondo tempo il copione è lo stesso, ma la scarsa vena offensiva porta inevitabilmente le due squadre ad un deludente pareggio. E in questo marasma di X (finisce 1-1 anche tra Atalanta e Cagliari e tra Chievo e Parma), l’unica delle big a festeggiare è il Milan, che passa in casa contro il Bologna grazie ad una doppietta di Pazzini e rilancia le sue ambizioni per un posto in Champions, lontano nove punti. Premiato il coraggio di Allegri nel dare spazio a Niang: il francesino promette veramente molto bene. Dopo la sconfitta subita dal Genoa in casa contro il Catania, la dirigenza ha deciso di esonerare Del Neri e richiamare Ballardini. Importante vittoria del Torino a Pescara, mentre il Siena smuove la classifica dopo aver battuto la Samp.

 

 

 

 

 

 

 

Vuoi commentare l'articolo?

Cristian Policella

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->