Bufera sulla competizione Cape2Rio

 

Il capitano Luis Manuel De Olivera Da Silva ha dato l’allarme riferendo che a bordo si trovavano alcuni feriti ed anche un morto. Ciò che ha causato ciò sono stati i venti che soffiavano ad oltre 50 nodi, fortunatamente il resto dell’ equipaggio della barca si è riuscito a mettere in salvo grazie ad un’imbarcazione di assistenza dell’organizzazione che li ha raggiunti, ma anche con un morto la gara non è stata interrotta.{ads1} Giovanni Soldini, velista italiano, iscritto anche lui in questa competizione a bordo della barca in collaborazione con la maserati si è dichiarato vicino ai familiari del velista morto sul Bavaria 54 Bille, e si è anche opposto alla decisione presa dall’ organizzazione di avviare ugualmente la gara pur già conoscendo le condizioni meteo sfavorevoli “Vista la composizione della flotta della Cape2Rio – ha dichiarato tramite telefono satellitare l’italiano – con la presenza anche di barche da crociera piccole e non preparate per affrontare tempeste oceaniche così violente, sarebbe forse stato meglio rimandare la partenza. È chiaro che è più facile valutare la situazione col senno di poi. D’altro canto questa forte depressione con venti di 50, 60 nodi era ampiamente prevista fin dalla partenza”. Anche per Maserati ci sono stati dei guai perchè Vento e onde hanno spezzato un palo dello stacking, utilizzato per sostenere le vele adagiate sul ponte. Il palo ha provocato un buco da cui è entrata l’acqua, ma fortunatamente la rottura è stata subito riparata con un tappo di monolitico di carbonio fissato al ponte con della colla strutturale a presa rapida e quattro viti portanti.

Vuoi commentare l'articolo?

Dario Argenziano

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->