Arbitri allo sbaraglio!

Dopo 31 giornate di campionato all’insegna, quasi tutte, di polemiche arbitrali, si può affermare senza alcun timore che l’esperimento dei cosiddetti giudici di porta è stato a dir poco fallimentare, come d’altronde era prevedibile. L’ennesimo riscontro si è avuto nella giornata di ieri in Fiorentina-Milan e Inter-Atalanta, casomai fosse stata necessaria una riprova: a questo punto si potrebbe provare a piazzare altri due arbitri sopra le traverse, per avere magari una miglior visuale dall’alto! Ma, scherzi a parte, è palese come sia necessaria la tecnologia per alleggerire e smorzare le tensioni che circondano la classe arbitrale. Agli onori della cronaca sono saliti ieri Tagliavento e Gervasoni autori di misfatti incredibili, rispettivamente in quel di Firenze e Milano. Ma, in tutta onestà, non c’è neanche la voglia di parlarne, vista la clamorosa entità degli abbagli presi da due dei migliori arbitri che dovremmo avere in Italia: anzi, potrebbe forse essere arrivato il momento di permettere agli arbitri di presentarsi in conferenza stampa a fine partita, in modo che siano loro a caldo ed in prima persona a prendersi le responsabilità e a dare spiegazioni sulle loro decisioni. Utopia, quasi quanto la moviola in campo.

Fatto sta che, arbitri o non arbitri, nella giornata di ieri a gioire è stato solo il Napoli, vittorioso sul Genoa al San Paolo con un secco 2-0. Per gli uomini di Mazzarri è un successo preziosissimo in ottica secondo posto, visto il contemporaneo pareggio dei rossoneri a Firenze, ed in attesa dello scontro diretto della prossima giornata a San Siro. Come detto, non sorride neanche l’Inter, che contro l’Atalanta decide di fare harakiri passando da un sicuro 3-1, ad un incredibile quanto meritato 3-4 per i bergamaschi, che hanno comunque il merito di mettere in mostra 30 minuti di bel gioco, al cospetto di un’Inter che 30 minuti di bel gioco non li ha messi insieme in tutto il campionato.

Fuoco e fiamme anche in fondo alla classifica, dove è accesa più che mai la bagarre salvezza, con Palermo, Siena e Genoa a contendersi la permanenza in Serie A. I siciliani, con Sannino al timone, sembrano avere qualcosa in più rispetto alle altre due contendenti, come dimostra l’importante vittoria a Genova contro la Samp per 3-1. Il Siena invece non va oltre lo 0-0 contro il Parma. Pareggio a reti bianche anche tra Catania e Cagliari, mentre nella vittoria per 3-1 dell’Udinese contro il Chievo, Di Natale regala l’ennesima perla di bravura, con un sinistro volante da tramandare ai posteri. Grande attesa per il monday night di stasera, quando all’Olimpico andrà in scena il derby tra Roma e Lazio.

Vuoi commentare l'articolo?

Cristian Policella

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->