O Hipnotizador, la serie che fa cadere in trance

Direttamente dall’America Latina è approdata al RomaFictionFest una serie che fa letteralmente cadere in trance: stiamo parlando di “O Hipnotizador”, in concorso con le altre fiction internazionali.

Dalla regia di Alex Gabassi e José Eduardo Belmonte “O Hipnotizador” racconta la storia di Arenas, un ipnotizzatore capace di provocare uno stato di trance durante il quale le persone rivelano i loro segreti, anche quelli che volevano tenere nascosti. Arenas non è un uomo come gli altri ed è perennemente avvolto da un alone di mistero alimentato dalla sua tendenza a isolarsi dal resto del mondo. Soffre, inoltre, di una perenne insonnia, conseguenza del suo tormentato passato.

Ben presto si troverà ad avere a che fare con un caso molto particolare, quello di una donna che chiederà il suo aiuto perché perseguitata da un sogno ricorrente fin da quando era piccola: un uomo con la testa d’uccello che scava una buca in un bosco. Arenas accetta di ipnotizzare la donna durante un suo spettacolo che verrà interrotto da un colpo d’arma da fuoco proprio nel bel mezzo dello stato di trance. Che qualcuno non voglia che si indaghi su questa enigmatica figura dal volto d’uccello e il corpo da uomo? Nonostante il violento avvertimento nel teatro, l’ipnotizzatore non si arrende e decide di tornare a scavare nella mente della donna. Il segreto che scopriranno è terribile e risale alla sua infanzia; un segreto che per anni le è stato nascosto da chi, finalmente, troverà il coraggio di confessare le sue colpe.

La serie, prodotta da HBO Latin America, è in memoria di Delfi Galbiati, attore uruguaiano scomparso nel marzo scorso.

Twitter: @amiraabdel13

Vuoi commentare l'articolo?

Amira Abdel Shahid Ahmed Ibrahim

Amira Abd El Shahid Ahmed Ibrahim è nata a Roma, nonostante il nome che sembra uscito da un documentario di Super Quark e il cognome così lungo da convincere il funzionario dell’anagrafe a cambiare mestiere il giorno in cui è venuta alla luce possano depistare circa il suo luogo di nascita. Nata sotto il segno dei pesci è una meticcia: metà del sangue che le scorre nelle vene è arabo. Condivide la sua dimora con due gatti grassi, predilige alla maggior parte delle persone i quadrupedi che non hanno il dono della parola, ma all’occorrenza si adatta a interagire con il genere umano. Dopo la cucina, arte nella quale si diletta spesso per rendere chi la circonda una persona più felice e l’arricciarsi i capelli, Amira ha anche degli hobbies che implicano l’uso del suo quoziente intellettivo come: leggere e scrivere. Due funzioni di elementare apprendimento che lei svolge con grande passione. Collabora con il quotidiano on-line Lineadiretta24 dal novembre 2013. Caporedattrice della rubrica di viaggi dal 2016. Leggermente sindacalista dentro odia le ingiustizie che “affollano” il pianeta. Conta di cambiare il mondo un giorno, o di conquistarlo.