Un Mondiale a tinte Bleu

In questa competizione internazionale non c’è più tempo per fermarsi o riflettere, si può solo continuare a correre e cercare di coronare un sogno ancora troppo lontano. Dopo la conquista dei quarti di finale da parte del Brasile ai rigori e dell’Olanda in extremis, quest’oggi scende in campo un’altra big. All’Estádio Nacional de Brasilia, la Francia è in cerca del colpaccio contro la Nigeria, per poter superare il turno. La squadra Bleu crede nel suo grandissimo potenziale e si schiera con uno spregiudicato 4-3-3. In avanti Didier Deschamps sfrutta tutto il suo tridente di fuoco con il re Karim Benzema, affiancato dalla fantasia di Valbuena e Giroud. Stephen Keshi, temendo e non poco gli avversari, sceglie un abbottonato 4-2-3-1. Gli africani puntano tutto sul contropiede, sfruttando così la velocità di Emenike, che ancora deve siglare la prima rete in questo torneo.

 La gara inizia con un’intensità pazzesca, sconsigliata ai deboli di cuore. I tifosi si aspettavano questo incontro, e lo stadio è una vera bolgia. Non ci vuole moltissimo per poter osservare il primo squillo della Francia con Karim Benzema, che riscalda il sinistro con un bolide terrificante, lontano dalla porta difesa da Eneyeama. I Bleu mostrano un gioco davvero straordinario, tocchi di prima intenzione e invenzioni, che rendono l’incontro a dir poco spettacolare. Il Gallo con la sua maestosità domina la sfida e sfiora la rete del vantaggio con un destro volante dello juventino Paul Pogba, che viene messo in angolo da un intervento miracoloso dell’estremo difensore africano. Nonostante non riesce a creare moltissime azioni pericolose, la Nigeria si difende molto bene, trovando delle ripartenze da manuale del calcio. Il pubblico ormai si aspetta da un momento all’altro una rete, invece, il primo tempo si conclude sullo 0-0.

A causa del caldo brasiliano, la Francia è stanca e non riesce più a premere come nella prima frazione di gara. Invece, la Nigeria ha gamba, spinge e in pochissimi minuti trova due buone occasioni da rete. Le Aquile, si esaltano e mostrano al mondo intero come il Gallo sta subendo senza reagire. Anche Karim Benzema, da re indiscusso di Lione si trasforma in un servo del castello e riesce a fallire una rete facilissima, davanti al gatto nigeriano Enyeama. Quando, ormai, i Bleu sono affossati e non riescono più a ribaltare le sorti della sfida arriva la svolta. Sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Pogba salta più alto di tutti, arriva in cielo, e beffa l’estremo difensore africano con un preciso colpo di testa che gela tutto lo stadio. Nel finale i biancoverdi sprofondano, siglando nella porta sbagliata una rete che significa 2-0 per la nazionale di Didier Deschamps. La Francia con questa vittoria, vola ai quarti di questo Mondiale, dove attenderà fino a questa sera per scoprire chi sarà l’avversario tra la Germania e Algeria.

Vuoi commentare l'articolo?

Daniele Giacinti

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->