Note di emozione a Sanremo con Ezio Bosso

Ezio Bosso, ospite della seconda serata del Festival di Sanremo, è tra i musicisti italiani più conosciuti al mondo. Questo grande pianista, compositore e direttore d’orchestra è considerato uno degli artisti più influenti e il suo enorme talento non è stato fermato dalla SLA, malattia che ha scoperto di avere nel 2011.

Bosso ha 44 anni e il suo perfetto “matrimonio” con i tasti del pianoforte è iniziato ben 40 anni fa, grazie ad una prozia pianista e al fratello musicista. Sin da subito ha dimostrato un talento naturale per le note, talento che lo ha portato a calcare i migliori palchi internazionali.

Il pubblico dell’Ariston lo ha accolto con un enorme applauso e sono scese alcune lacrime di commozione persino tra i membri dell’orchestra di Sanremo per le parole del pianista e il meraviglioso brano che ha eseguito: Following a bird. Bosso, nel corso del suo intervento, ha offerto diversi spunti di riflessione e ha paragonato la vita ad una serie di stanze, 12 per la precisione, facendo riferimento al suo album, che si intitola proprio The 12th room. “Nell’ultima stanza, che non è l’ultima, perché è quella in cui si cambia, ricordiamo la prima. Quando nasciamo non la possiamo ricordare, perché non vediamo, ma lì la ricordiamo e siamo pronti a ricominciare e quindi siamo liberi“; una grande fiducia nella vita nonostante la sua malattia. Il brano che ha magistralmente eseguito a Sanremo ha un significato altrettanto importante: perdere per imparare a seguire, perdere i pregiudizi e le paure. 

Ezio Bosso, non c’è dubbio, ha regalato un momento di arte, emozione e umanità al Festival di Sanremo.

Vai alla home page di LineaDiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

Twitter: @amiraabdel13

Vuoi commentare l'articolo?

Amira Abdel Shahid Ahmed Ibrahim

Amira Abd El Shahid Ahmed Ibrahim è nata a Roma, nonostante il nome che sembra uscito da un documentario di Super Quark e il cognome così lungo da convincere il funzionario dell’anagrafe a cambiare mestiere il giorno in cui è venuta alla luce possano depistare circa il suo luogo di nascita. Nata sotto il segno dei pesci è una meticcia: metà del sangue che le scorre nelle vene è arabo. Condivide la sua dimora con due gatti grassi, predilige alla maggior parte delle persone i quadrupedi che non hanno il dono della parola, ma all’occorrenza si adatta a interagire con il genere umano. Dopo la cucina, arte nella quale si diletta spesso per rendere chi la circonda una persona più felice e l’arricciarsi i capelli, Amira ha anche degli hobbies che implicano l’uso del suo quoziente intellettivo come: leggere e scrivere. Due funzioni di elementare apprendimento che lei svolge con grande passione. Collabora con il quotidiano on-line Lineadiretta24 dal novembre 2013. Caporedattrice della rubrica di viaggi dal 2016. Leggermente sindacalista dentro odia le ingiustizie che “affollano” il pianeta. Conta di cambiare il mondo un giorno, o di conquistarlo.