Alla Francia non basta Pogba, l’Albania sogna il ripescaggio

Francia e Svizzera tornano a casa con un misero pareggio a reti inviolate che, in realtà, accontenta entrambe le squadre. L’Albania intanto batte la Romania e si candida per un posto tra le migliori terze del ripescaggio.

FRANCIA-SVIZZERA 0-0

Nessuna delle due squadre aveva grandissime motivazioni per portare a casa i tre punti ma, al tempo stesso, né la Francia né la Svizzera erano disposte a concedere troppe libertà alla squadra avversaria. È così che si è svolta la gara tra Francia e Svizzera, una partita inaspettatamente avvincente e combattuta.

Da un lato, una Francia arzilla nonostante il turnover, dall’altro una Svizzera combattiva e stranamente padrona del gioco. Gli elvetici, infatti, per lunghi tratti hanno avuto molto più possesso palla dei padroni di casa, ma la trama di gioco della squadra di Petkovic è risultata piuttosto sterile. Al contrario, la Francia ha saputo capovolgere più volte l’azione da difensiva a offensiva grazie alle molteplici verticalizzazioni facilitate da un ispiratissimo Pogba e dalla facilità di corsa di giocatori come Sissoko e Coman. Fin dal primo tempo infatti, il portiere svizzero è stato costretto a fare interventi miracolosi che hanno negato a Pogba il gol del vantaggio. I riflessi di Sommer sono stati spesso assistiti dalla dea bendata: Pogba ha colpito due legni nel primo tempo (uno dei quali clamoroso, con un bolide di sinistro dalla lunga distanza), mentre il terzo legno è stato colpito da Payet nel secondo tempo dopo una splendida sgroppata di Sissoko.

La Svizzera, oltre ad aver prodotto uno sterile possesso palla, non ha fatto molto di più. Il portiere Sommer è stato di gran lunga il migliore in campo, ma anche Behrami, Xhaka e Shaqiri hanno macinato chilometri. Deludente invece Lichtsteiner, ma anche il promettente Embolo, che non è riuscito quasi mai a impensierire gli esperti difensori francesi.

In ogni caso, Francia e Svizzera tornano a casa soddisfatti e, soprattutto, con la qualificazione in tasca.

ALBANIA-ROMANIA 1-0

Se la qualificazione a Euro 2016 per l’Albania era stato un risultato storico, un eventuale qualificazione agli ottavi sarebbe veramente miracolosa. A quanto pare però, il Ct De Biasi di miracoli se ne intende: il gol vittoria di Sadiku ai danni della Romania potrebbe rivelarsi determinante per un eventuale ripescaggio dell’Albania nel gruppo delle migliori terze.

L’Albania, con soli 3 punti e una differenza reti di -2, dovrà aggrapparsi ai risultati delle altre squadre per inseguire il grande sogno degli ottavi di finale. Tra le varie combinazioni (alcune poco plausibili), ce n’è una che riguarda anche l’Italia: gli azzurri potranno regalare qualche speranza a De Biasi vincendo o pareggiando contro l’Irlanda, a patto che anche il Belgio riesca a guadagnare punti contro la Svezia.

Insomma, dopo aver raggiunto una storica qualificazione a Euro 2016 e dopo il primo gol agli Europei nella storia dell’Albania segnato da Sadiku, c’è ancora qualche speranza di ottenere un altro miracoloso risultato, firmato dal nostro connazionale De Biasi.

Vai alla Home di Lineadiretta24

Leggi altri articoli dello stesso Autore

Twitter: @Alex Marino

 

Vuoi commentare l'articolo?

Alex Marino