Roma, parte un colpo di pistola ad una guardia giurata: muore un paziente in uno studio medico

Roma, parte un colpo di pistola ad una guardia giurata: muore un paziente in uno studio medico

Muore nella sala d’attesa di uno studio medico del quartiere romano Colli Aniene. Arrestata una guardia giurata.

Gaetano Randazzo, pensionato di 68 anni, si trova nello studio del suo medico di famiglia, in attesa della visita, nel quartiere Colli Aniene di Roma, in Viale Palmiro Togliatti 1640. All’improvviso il dramma: viene colpito da un proiettile e muore. Sembra che il colpo sia partito accidentalmente dalla pistola di una guardia giurata. Secondo una prima ricostruzione, il vigilante, 40 anni, si trovava nella stanza accanto, dove si stava sottoponendo alla consueta visita per il rinnovo del porto d’armi. L’uomo avrebbe estratto l’arma, probabilmente per mostrarla al dottore, il quale, come riportato da La Stampa, “non aveva mai visto quel modello di arma”. Nel maneggiarla qualcosa è andato storto, ed è partito il colpo. Il proiettile ha attraversato la parete della stanza bucando il cartongesso, e ha centrato Gaetano Randazzo, che si trovava nella sala d’attesa. Sul posto sono intervenuti i carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma ed i carabinieri della compagnia di Montesacro.

Le indagini, eseguite dai carabinieri, sono coordinate dal procuratore aggiunto di Roma Nunzia D’Elia e dal pm Pierluigi Cipolla. Si procede per omicidio colposo. Il vigilante è stato arrestato ed in queste ore gli inquirenti lo stanno ascoltando per ricostruire con esattezza l’accaduto. Ascoltati anche il medico e diversi testimoni. Si attende una perizia balistica per ricostruire la dinamica dell’incidente.

La tragedia si è consumata sotto gli occhi degli altri pazienti che si trovavano, in quel momento, nella sala d’attesa. In stato di choc, dopo l’accaduto, avrebbero raccontato di aver assistito alla scena. Dopo aver sentito il rumore dello sparo, avrebbero visto la vittima accasciarsi a terra.

Vai alla home

Leggi altri articoli dello stesso autore

Vuoi commentare l'articolo?

Ramona Bastiani

Io so di non sapere, diceva Socrate, ed è questo che mi spinge ad incamminarmi su sentieri inesplorati. Da sempre appassionata di classici greci e latini, mi laureo in...lettere, diranno i lettori...e invece no: giurisprudenza. Armata di pazienza e di coraggio, dritta verso l'ostacolo: il concorso in magistratura. Nel frattempo, pratica forense e tirocinio al Tribunale penale si sono presi il loro spazio. Mi piace esprimermi, in qualsiasi forma, se non esiste la invento. Parlando, ballando, facendo shopping, suonando la fisarmonica, interpretando norme di legge o scrivendo versi in rima, io devo dire la mia. Quale occasione migliore del giornalismo? Mentre mi godo le mie metamorfosi, non rinuncio alla pizza e alla zumba.