Sipario sul Roma Fiction Fest 2016, ecco tutti i vincitori

Titoli di qualità, momenti di confronto con autori ed attori, grande attenzione per tutte le tipologie di spettatori e molti ospiti internazionali. Dopo cinque giorni di “festa seriale” si chiude con la cerimonia di Premiazione, ospitata presso il The Space Cinema Moderno in Piazza della Repubblica nella Capitale, la decima edizione del Roma Fiction Fest 2016 targata Giuseppe Piccioni.

Sono soddisfatto del lavoro svolto. La partecipazione del pubblico è andata oltre le mie aspettative – ha detto il regista e direttore artistico, che ha potuto contare su un budget di circa un milione e centomila euro. “Non abbiamo semplicemente replicato quello che offre l’industria. Gli elementi di qualità, lo scambio di idee e pensieri erano presenti in tutti gli spazi: dalle proiezioni agli incontri, dagli approfondimenti ai momenti anche di semplice intrattenimento, tutti premiati dalla partecipazione numerosa del pubblico”. Ha spiegato. “Anche un Festival può essere l’occasione per contribuire all’innalzamento del gusto, a un tipo di intrattenimento che non disdegna di essere popolare ma offre continue opportunità di miglioramento. Perché la televisione, nelle storie, nella qualità della scrittura e degli attori, nell’impegno degli autori e produttori, può essere più vicina alla vita di tutti”

roma fiction fest 2016E’ sulla base di questi fondamenti che anche quest’anno il festival ha eletto i suoi vincitori. Fa il pienone di premi la serie Midnight Sun (Svezia, Francia, 2016; creato da Mårlind & Stein), a cui vanno il Premio RomaFictionFest miglior nuova TV Series, il Premio RomaFictionFest miglior Regia e il Premio RomaFictionFest alla miglior sceneggiatura; a National Treasure (Regno Unito, 2016; creato da Jack Thorne) spetta il il Premio Speciale della Giuria e al protagonista Robbie Coltrane il Premio RomaFictionFest miglior Attore; la migliore attrice è, invece, ques’anno Cristiana Capotondi, giovane donna in Di padre in figlia (Italia, 2016; regia di Riccardo Milani). “Sono felice e onorata di ricevere questo premio – ha detto Cristiana Capotondi – È la storia di una pacifica e profonda emancipazione femminile che, al di là di ogni ideologia, porta la donna al centro della nostra società. Sono onorata di aver incarnato una di queste donne e spero che per molto altre donne questo personaggio possa essere di ispirazione così come lo è diventato per me”

Spazio dunque nella serata di festa anche all’assegnazione dei premi speciali: in particolare, il Premio Francesco Scardamaglia per la migliore sceneggiatura di una fiction italiana edita va ad ANTONIO MANZINI, MAURIZIO CAREDDU per Rocco Schiavone (Prodotto da Rai Fiction, Cross Productions e Beta Film); il Premio Carlo Bixio per la migliore sceneggiatura originale di fiction è assegnato invece al giovane GIANLUCA ARGENTERO per Non è la fine del mondo; anche la SIAE ha assegnato la sua targa a “Ida d’autore”, a Angry Kids di Ubaldo Carlo Argenio, Anna Piscopo, Matteo Ferri, Angelo Cavaliere ed Eleonora Trucchi; il Premio Maximo Eroe Imperfetto è meritato in quest’edizione da Memorville di Angela Giammatteo.

Infine, i Premi Roma Fiction Fest 2016 all’Eccellenza artistica. I nomi dei fregiati del titolo: Dustin Lance Black, Marco Giallini, Rosario Rinaldo, Enzo D’Alò e Richard Dreyfuss. “Lo spessore umano e professionale degli ospiti internazionali, uno per tutti Dreyfuss, è stato il segno distintivo di questa manifestazione”, spiega Piccioni.

Leggi altri articoli dello stesso autore

Vai alla Homepage di LineaDiretta24

Twitter: @EvaElisabetta

roma fiction fest 2016

roma fiction fest 2016

Vuoi commentare l'articolo?

Eva Elisabetta Zuccari

Per lavoro e per passione racconto storie. Dalle esistenze straordinarie di persone comuni ai "pancini sospetti" del Gossip. Giornalista in divenire, classe 1989, curiosa. Spio tutto e tutti: voi non sapete chi sono io, ma io potrei già sapere chi siete voi.