Olimpiadi Rio 2016: Di Francisca e Innocenti d’argento

Elisa_Di_FranciscaDI FRANCISCA – Sfuma per un soffio il sogno olimpico di Elisa Di Francisca, battuta in finale dalla russa Inna Deriglazova con il punteggio di 12 a 11. La campionessa italiana è andata in vantaggio per 3 stoccate a 0 prima di subire un parziale di 7 a 0 nella seconda frazione che le è costato la medaglia d’oro. Il fantastico recupero finale si è infranto sull’ultima stoccata azzurra arrivata a 3 secondi dalla fine del match, troppo poco per provare un disperato ultimo assalto. Delusione invece per gli altri schermitori azzurri. La Errigo non ha superato gli ottavi nel fioretto femminile, mentre Montano è stato eliminato negli ottavi della sciabola maschile dal russo Nikolay Kovalev.

 

DOUBLE TRAP D’ARGENTO – Continua l’ottimo momento di formaInnocenti double trap dei tiratori azzurri. Dopo l’oro di Campriani e l’argento di Pellielo, oggi Marco Innocenti ha vinto la medaglia d’argento nella finale del Double Trap. Un risultato inaspettato, con l’atleta azzurro visibilmente commosso quando è riuscito a guadagnarsi l’accesso alla finalissima per la medaglia d’oro contro Fehaid Aldeehani, atleta del Kuwait che oggi a causa di problemi tra la sua federazione e il CIO partecipava sotto la bandiera degli Atleti Olimpici Indipendenti. Durante la finale a Innocenti è stato fatale uno 0/2 nell’ottava ripresa, ma il risultato resta di altissimo prestigio e proietta l’Italia in cima al mondo per quanto riguarda il Tiro.

 

Elisa Longo BorghiniCICLISMO – Nella crono femminile, segnata da una fastidiosa pioggia, Elisa Longo Borghini non riesce a replicare la medaglia ottenuta nella prova in linea e chiude al quinto posto, dietro alle due olandesi van Dijk e Van der Breggen. Medaglia d’oro alla statunitense Kristin Armstrong che supera la Russa Olga Zabelinskaya.

Nella crono maschile, dominio assoluto dello svizzero Fabian Cancellara che ha letteralmente dominato la prova alla spaventosa media di 45,3 km/h, chiudendo in 1:12:15, davanti all’olandese Tom Dumoulin e al britannico Chris Froome. L’italiano Damiano Caruso ha chiuso solamente 27esimo.

TIRO CON L’ARCO – Giornata amara per gli italiani impegnati nel tiro con l’arco. La Sartori è stata eliminata negli ottavi dall’indiana Kumari per 6-2. Galiazzo non è andato oltre i 32esimi, perdendo 5-6 contro il canadese Duenas.

italia-olanda-volleySPORT A SQUADRE – Terza sconfitta consecutiva per le ragazze della Pallavolo italiana che, con questo risultato, sono matematicamente eliminate da Rio 2016. L’Olanda ha dominato tutti e tre i set costringendo la nazionale azzurra al terzo 0-3 consecutivo dall’inizio di questi giochi. Una vera debacle per le ragazze di Bonitta che lasciano l’olimpiade senza aver vinto nemmeno un set.

Esattamente al contrario, rispetto alla pallavolo femminile, è arrivata la terza vittoria consecutiva per i ragazzi del Settebello che, con una solidissima partita difensiva, hanno avuto la meglio del Montenegro con il punteggio finale di 6 a 5. Migliore in campo Di Fulvio, autore di una fantastica tripletta.

Il duo azzurro del Beach Volley, Carambula – Ranghieriranghieri-carambula ha perso 0-2 contro i padroni di casa del Brasile. Una sconfitta che però è ininfluente per quanto riguarda il passaggio del turno, già raggiunto nella partita precedente.

La Nazionale USA di basket ha avuto la meglio su una coriacea Australia per 98 a 88 in un match molto intenso e combattuto che ha visto addirittura gli oceanici chiudere il primo tempo in vantaggio di 6 lunghezze.

 

Clemente RussoBOXE – Si ferma ai quarti di finale l’avventura olimpica di Clemente Russo, sconfitto dal campione del mondo in carica, l’altissimo russo Evgenij Tiščenko. Nonostante il giudizio dei tre giudici sia stato unanime in tutte e tre le riprese, almeno nella prima era sembrato che il pugile italiano avesse fatto meglio del rivale ma nella globalità del match la sconfitta è sembrata giusta. Con questa sconfitta si chiude anche la carriera olimpica dell’atleta azzurro che tante emozioni e medaglie ci ha regalato in carriera.

TENNIS – Tutte le gare in programma oggi sono state rinviate a causa del maltempo che si è abbattuto sui campi da gioco.

CANOA – Giovanni De Gennaro, qualificato alla finale di Slalom K1 della canoa maschile, ha chiuso la sua olimpiade al settimo posto. La finale è stata vinta dal britannico Clarke in 01:28.53.

NUOTO – Non è bastato a Federica Pellegrini rinunciare alla gara dei 100notte amara metri stile libero per concentrarsi sulla staffetta azzurra 4×200. Purtroppo il quartetto azzurro, formato da Pellegrini, Mizzau, De Memme e Masini Luccetti ha chiuso ben lontano dalla quota qualificazione alla finale. Le italiane chiudono al tredicesimo posto dopo aver nuotato in 7:57:54. Finisce cosi la carriera olimpica di Federica Pellegrini, probabilmente la più grande e vincente nuotatrice azzurra di tutti i tempi.

TUFFI – In una serata da incubo, tra pioggia scrosciante, fulmini e acqua della piscina diventata inspiegabilmente verde nella notte tra il 9 e il 10 agosto, la coppia di tuffatori italiani Tocci e Chiarabini agguanta un preziosissimo sesto posto nella gara sincro da 3 metri che li qualifica di diritto alle prossime World Series. La gara è stata vinta dalla Gran Bretagna, davanti agli Stati Uniti e a una insolitamente poco incisiva coppia cinese.

schwazerDOPING – Alla fine è arrivata la sentenza su Alex Schwazer, tanto attesa dall’atleta azzurro ansioso di poter partecipare ai giochi di Rio 2016. Il TAS ha condannato il maratoneta a 8 anni di squalifica per positività al testosterone. Sentenza che di fatto sancisce la recidività e la fine della carriera dell’ex campione olimpico. Tutto questo a pochi giorni dal caso Efimova, atleta russa squalificata per doping nel 2013 e riammessa in extremis a questi giochi proprio dal TAS, dopo l’enorme scandalo doping che ha coinvolto la delegazione russa. La stessa Efimova che, l’altro giorno, ha vinto la medaglia d’argento nei 100 metri rana sommersa dai fischi da parte del pubblico e dalle critiche di molti altri atleti.

Vai alla home page di Lineadiretta24.it

Leggi altri articoli dello stesso autore

Twitter: @Mauro.Zini14

Vuoi commentare l'articolo?

Mauro Zini

Coach di basket, aspirante giornalista sportivo, laureando in comunicazione pubblica e d'impresa, sarebbe fantastico saper fare almeno una di queste cose. Appassionato di libri, cinema e serie TV, praticamente un Nerd da quando non era di moda esserlo.