Web Reputation su Google con Cyber Lex

Web Reputation su Google con Cyber Lex

Un network di professionalità digitali che cooperano con studi legali ed agenzie informatiche per la risoluzione di problemi su Internet riguardanti la privacy, la reputazione online ed il copyright. Questa è Cyber Lex, giovane società italiana con sedi legali ed operative a Roma, Milano, Londra, Cannes e Valencia, specializzata in cancellazione di dati personali ed informazioni obsolete da Internet. Da circa 5 anni il diritto all’oblio ha attirato milioni di persone ad interessarsi della presenza del proprio nome su Google e a chiedersi se le pagine web che ospitano questi nominativi siano corrette, aggiornate ed opportune per la propria web reputation.

Per chi non lo sapesse, le richieste di rimozione dei risultati di ricerca presentate ai sensi delle legislazioni europee sulla privacy sono disciplinate dal Regolamento europeo generale sulla protezione dei dati personali, meglio conosciuto come General Data Protection Regulation (G.D.P.R.), un moderno regolamento di 88 pagine, in vigore da maggio 2018, che disciplina la conservazione, la protezione e la cancellazione dei dati personali all’interno degli Stati Membri dell’Unione Europea. I ricorrenti si appellano a questo regolamento per cancellare risultati di ricerca Google compromettenti la privacy e la reputazione web. “Il più delle volte – ci riferisce l’Avv. Domenico Bianculli, responsabile dell’area legale di Cyber Lex – le persone sono interessate a cancellare notizie da Google riguardanti un reato. Chiariamo, però, che il regolamento GDPR non prevede la cancellazione di notizie di cronaca da Google. Per cancellare una notizia da Internet, bisogna dimostrare al motore di ricerca che essa sia inesatta oppure non aggiornata agli esiti dei provvedimenti giudiziali”.
Ad esempio, ci spiega l’Avv. Bianculli, “è possibile cancellare notizie che parlano di un rinvio a giudizio per un reato grave, se la sentenza successivamente prodotta ha assolto l’interessato dai capi di imputazione dei quali nella cronaca”. La procedura viene svolta in cooperazione con l’Autorità per la protezione dei dati di Roma o con il Tribunale Civile competente. “Le testate giornalistiche online non sono tenute a cancellare una notizia dal proprio sito web. Nel migliore dei casi, possono de-indicizzarla oppure rettificarla su richiesta della persona interessata. Il diritto di cronaca vince spesso sul diritto all’oblio, per questo motivo è consigliabile agire nei confronti del motore di ricerca”.
La web reputation in casa Cyber Lex non è soltanto una materia legale. Anzi. Ci spiegano da Roma che l’ottimizzazione dei siti web è una delle attività principali offerte dall’azienda per risolvere il problema del posizionamento del proprio nome su Google. Un’azienda o un libero professionista può penalizzare i risultati di ricerca Google indesiderati attraverso una laboriosa (e, ci fanno capire, dispendiosa) procedura di ottimizzazione di siti web sui motori di ricerca. La ricetta è semplice ma gli ingredienti sono segreti. “Per i servizi di web reputation ci rivolgiamo ai numeri uno in Italia, specialisti con quasi 20 anni di esperienza che ci garantiscono un risultato ottimale, senza sbavature”.

Ed a vedere il lavoro che hanno svolto per sé stessi, non c’è ombra di dubbio: in Cyber Lex sanno come addomesticare il motore di ricerca e ricostruire il profilo di una persona o di una azienda su Google, con o senza Avvocati. Per parlare con uno dei loro consulenti potete utilizzare i riferimenti che trovate sul sito www.cyberlex.net. Tutte le altre informazioni e riconoscimenti li trovate invece sul web, “googlando”  il loro nome.

 

Vuoi commentare l'articolo?

Redazione