Volano pugni al Parlamento turco

Ebbene sì, esiste un Parlamento più caotico di quello italiano.
Usare la violenza nel corso dell’esame di un pacchetto sulla sicurezza è un paradosso, ma è quanto avvenuto in Turchia.
La scorsa notte, ad Ankara, i parlamentari hanno deciso di passare dalle parole ai fatti, ma non politicamente parlando: i deputati del partito Akp e l’opposizione si sono presi a pugni nelle aule del Parlamento. Ciò è avvenuto dopo ben tre ore di immobilismo del dibattito dovuto ai continui atti di ostruzionismo dell’opposizione, che ha definito “fascista” il nuovo pacchetto sulla sicurezza.
Una scena pietosa: uomini ormai “adulti” da tempo, in giacca e cravatta, intenti ad affermare il valore delle proprie idee colpendo, nel vero senso della parola, l’avversario.

Vuoi commentare l'articolo?

Maria Laura Serpico

Bionda, bassa e sognatrice. Se è vero che ogni riccio è un capriccio, con me la vita non è mai noiosa. Mi definisco una “persona frenetica”, alla continua ricerca di nuovi stimoli. Il mio colore preferito è il verde, perché la speranza è l’ultima a morire! Le cose che preferisco fare sono: parlare, parlare e… parlare! Ma non temete, in caso di necessità, sono pronta ad ascoltare: ogni incontro, ogni viaggio, ogni situazione imprevista può essere fonte di arricchimento personale. I miei studi mi hanno portato verso il mondo della scienza politica poiché credo che, benché i più non lo vogliano ammettere, niente e nessuno le è immune. Spettacolo e cultura mi affascinano da sempre, in quanto mix perfetto di storia e sensibilità personale. Perché scrivere? Per dare modo a tutti di “vedere” (quasi) tutto: una pretesa impossibile, ma d’altronde la vita è una sfida continua.