Vandalizzata l’opera di Banksy per San Valentino

banksyUna ragazza che con un lancio di fionda colpisce un mazzo di rose rosse che esplodono sopra la sua testa, questo il murales realizzato da Banksy per San Valentino a Bristol.

L’opera è stata vandalizzata quasi subito dopo essere stata realizzata con un imbratto rosa a forma di cuore e una scritta di insulti con la sigla BCC. Il murales ricorda molto la famosa opera con la bambina chelascia andare il palloncino, forse è proprio questo il senso della scritta apparsa sopra in rosa fluo, BCC: “black carbon copy“, cioé copiato con la carta carbone.

Anche ai primi di dicembre, un passante aveva vandalizzato un altro murale di Banksy a Birmingham, aggiungendo un naso rosso alle due renne del graffito.

 

Vai alla homepage di LineaDiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

Vuoi commentare l'articolo?

Amira Abdel Shahid Ahmed Ibrahim

Amira Abd El Shahid Ahmed Ibrahim è nata a Roma, nonostante il nome che sembra uscito da un documentario di Super Quark e il cognome così lungo da convincere il funzionario dell’anagrafe a cambiare mestiere il giorno in cui è venuta alla luce possano depistare circa il suo luogo di nascita. Nata sotto il segno dei pesci è una meticcia: metà del sangue che le scorre nelle vene è arabo. Condivide la sua dimora con due gatti grassi, predilige alla maggior parte delle persone i quadrupedi che non hanno il dono della parola, ma all’occorrenza si adatta a interagire con il genere umano. Dopo la cucina, arte nella quale si diletta spesso per rendere chi la circonda una persona più felice e formosa (perché grasso è bello o perlomeno simpatico) e l’arricciarsi i capelli, Amira ha anche degli hobbies che implicano l’uso del suo quoziente intellettivo come: leggere e scrivere. Due funzioni di elementare apprendimento che lei svolge con grande passione. Collabora con il quotidiano on-line Lineadiretta24 nella sezione Gossip e Tv dal novembre 2013. Caporedattrice della rubrica di viaggi dal 2016. Leggermente sindacalista dentro odia le ingiustizie che “affollano” il pianeta. Conta di cambiare il mondo un giorno, o di conquistarlo.