Usano un’App al posto della pillola: 37 donne incinte

Lanciata nel 2014, la nota App ‘contraccettiva’, chiamata Natural Cycles e usata come alternativa alla pillola, è ora protagonista di uno ‘scandalo’ in Svezia, dove sono stati segnalati all’Agenzia nazionale per la sicurezza dei farmaci 37 casi di gravidanza tra le fruitrici dell’applicazione. L’ente, in seguito, ha avviato dunque un’indagine. A riferire il problema era stato l’ospedale Södersjukhuset di Stoccolma, dopo uno studio su 600 donne che, da settembre a dicembre 2017, avevano chiesto di abortire nella struttura.

Ideata dal fisico nucleare svedese Elina Berglund Scherwitzl, l’App Natural Cycles si basa su un algoritmo in grado di individuare il periodo giusto in cui avere rapporti senza rischiare una gravidanza. Certificata come dispositivo medico in Europa, l’App è utilizzata da oltre 500 mila persone. Viene offerta gratuitamente per il primo mese e in seguito costa circa 9 euro al mese, oppure 65 euro l’anno con termometro annesso. Si basa sulla misurazione quotidiana della temperatura corporea e su un algoritmo che analizza il ciclo mestruale. Un colore indica poi il livello di fertilità: rosso significa alta possibilità di gravidanza, mentre verde indica la possibilità di un rapporto senza probabilità di rimanere incinta. “Ho scoperto che nel periodo in cui si è fertili si ha una temperatura più alta. Questo, unito ad analisi matematiche e di dati, mi ha permesso di mappare il mese per individuare il periodo giusto in cui avere rapporti senza rischiare una gravidanza”, aveva spiegato la svedese. Unico avvertimento dell’applicazione: “non si è protetti da malattie sessualmente trasmissibili”. Il business intorno a Natural Cycles ha garantito a Elina e al marito (il fisico Raoul Scherwitzl), investimenti per 6,6 milioni di euro mentre le vendite hanno toccato i 5 milioni di euro. Si parla di vendite perché per utilizzare l’app è necessario pagare circa 50 euro l’anno. Ma ora, dopo i 37 casi di gravidanza indesiderata, sembra che il cestino sia il destino di questo metodo contraccettivo 3.0.

 

Vai alla home page di LineaDiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

@_mchiara

Vuoi commentare l'articolo?

Mariachiara Oliva

Più conosciuta sotto falsa identità, i suoi migliori amici sono i libri, la musica e la scrittura. Cura un blog e ha scritto un lungo componimento poetico, ma sempre sotto falso nome. Non ama parlare di sé, preferisce che lo facciano gli altri. Ma in sua presenza, che sia chiaro. Da quando collabora con TV & Costume ha capito che il televisore non è solo un'estensione del tavolino.