Uragano Maria, la nuova minaccia subito dopo Irma – VIDEO

URAGANO MARIA – Dopo aver portato due morti e devastazioni a Guadalupa, il nuovo uragani che minaccia la sicurezza dell’America centrale si è avvicinato nelle ultime ore alle Isole Vergini, territorio degli Stati Uniti. L’uragano Maria è la nuova minaccia che sta terrorizzando i cittadini di molte nazioni e il Centro Uragani Usa ha segnalato che il suo impatto è potenzialmente catastrofico: “Le preparazioni contro la tempesta letale, le piogge, le inondazioni e i venti distruttivi devono accelerare”. Questo il monito delle autorità, che hanno stimato la potenza dell’uragano come categoria 5 mentre il fenomeno si sta avvicinando a St. Croix, una delle delle Isole Vergini.

SUBITO DOPO IRMA – Maria arriva soltanto 10 giorni dopo che gli abitanti hanno dovuto affrontare la potenza dell’uragano Irma. Maria ha già fatto due vittime sul territorio francese di Guadalupe; nella piccola isola – la più verde dei Caraibi -, tutti sono rimasti chiusi in casa e anche la polizia ha dovuto attendere il passaggio dell’uragano: ogni intervento all’esterno è stato proibito perché ritenuto estremamente pericoloso. Le autorità di Dominica avevano già annunciato per tempo la chiusura delle scuole, degli uffici governativi e invitato la popolazione a spostarsi dalle aeree a maggior rischio.

LE MISURE PREVENTIVE – Anche in Martinica le autorità hanno preventivamente ordinato la chiusura di tutti gli enti pubblici e invitato la popolazione a prepararsi alla mancanza di luce e acqua. Gli stessi provvedimenti sono stati presi a Porto Rico, dove la gente del posto ha cercato di proteggere le finestre con pannelli in legno. L’ordine è chiaro: restare chiusi in casa o andare via il prima possibile. Nel frattempo, in vista di una possibile devastazione, gli uffici di crisi stanno distribuendo razioni di forniture di base: tra cui acqua, latte, cibo in scatola, batterie e torce elettriche.

Vai alla home page di LineaDiretta24.it

Leggi altri articoli dello stesso autore

@maurizio_gaddi

Vuoi commentare l'articolo?

maurizio Gaddi