Ebola, la crisi non finirà presto

L’Ebola non è ancora pandemia, ma la crisi non finirà presto. A lanciare l’allarme è l’Unione Europea: serve una risposta più potente da parte della comunità internazionale. In questa fase, rendono noto fonti europee, rafforzare e rendere più efficaci i controlli in uscita dai tre paesi focolai di ebola è essenziale.
E mentre in Africa il bilancio delle vittime dell’epidemia cresce sfiorando ormai i 4.500 morti, negli Usa è stato accertato un altro caso: ad essere colpita dal virus è un’altra donna, una aiuto-infermiere entrata in contatto con il “paziente zero” morto la settimana scorsa.
La Casa Bianca ha annunciato che oggi si svolgerà una conference call fra il presidente americano Obama e i principali leader europei, per fare il punto sulla situazione Ebola – ma anche sull’Isis – a cui parteciperanno il premier britannico Cameron, quello italiano Renzi, il presidente francese Hollande e la canceliera tedesca Merkel.

Vuoi commentare l'articolo?

Costanza Giannelli

Nasce e cresce (poco, in realtà) in Toscana. Nel 2013, dopo la laurea in Storia Contemporanea si trasferisce a Roma, dove approda alla redazione di Lineadiretta24. Lettrice onnivora e incontenibile logorroica, è appassionata di politica, diritti, storia, De Andrè e Scrubs, non necessariamente in quest’ordine. Curiosa di natura e polemica per vocazione, ama l’India e colleziona lauree, ma giura che la terza sarà l’ultima.

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->