Uber ha depistato le indagini con Greyball

Uber ha depistato le indagini e continua a farlo, questa volta l’accusa alla ‘fortunata’ app viene da Mike Isaac che sul New York Times punta il dito contro il colosso californiano. In alcuni Paesi in cui è illegale, Uber usa un escamotage tecnologico per eludere i controlli. Greyball è il nome dell’iniziativa approvata dalla squadra legale della società di Travis Kalanick.

uber ha depistato le indaginiQuando Uber approda in un nuovo paese, gli autisti, i cittadini e i turisti cominciano a utilizzarla, mentre le autorità monitorano le corse e, quando è necessario, fermano le vetture. Uber, spiega l’articolo sul giornale newyorkese, di contro nomina un responsabile del programma Greyball che ha il compito — potendo contare su strumenti tecnologici — di individuare gli account delle autorità che controllano e indirizzarli a una versione della mappa dell’app creata ad hoc. Invece di vedere le icone delle auto Uber che circolano, questi account visualizzano vetture fantasma e non sono più in grado di intervenire. In questo modo Uber ha depistato le indagini. I profili sono individuati a partire dai comportamenti di chi usa l’app nelle zone vicine agli uffici delle autorità, analizzando i dati delle carte di credito e incrociandoli con le informazioni online e sui social network. L’utilizzo improprio delle informazioni dei clienti si è già verificato due anni fa, in occasione delle indagini sugli spostamenti dei giornalisti scomodi.

Uber ha dichiarato al Times che Greyball, attivato nel 2014 all’interno dell’ operazione «Violation of terms of service», nasce per negare le richieste a chi viola i termini di servizio (riferendosi agli inseguimenti e ai pestaggi effettivamente subiti da parte dei conducenti dell’app). Nell’ultimo periodo il colosso ha dovuto affrontare numerose polemiche per la vicinanza di Travis Kalanick a Donald Trump, come consigliere economico; ma anche quelle scatenate dalle accuse di molestie subite — e impunite — in azienda di una ex dipendente.

Vai alla home page di Lineadiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

twitter: @letiziadelpizzo

Vuoi commentare l'articolo?

Letizia Del Pizzo

Mi chiamo Letizia Del Pizzo e sono nata a Roma nel 1991. Ho una laurea magistrale in Lettere Moderne e al momento frequento un master in Economia e Gestione dell'Arte e dei Beni Culturali presso la Business School di Roma de Il Sole 24Ore. Ho viaggiato molto, ma il mio sogno è contemplare il paesaggio silenzioso intorno alle rovine di Machu Picchu. Trascorro il mio tempo libero dedicandomi alla lettura, al cinema e alle serie tv. Adoro passeggiare con miei amici per la città e scoprire le continue iniziative culturali. Mi piacerebbe diventare una giornalista, una scrittrice o una critica cinematografica, perché sono convinta che le passioni acquistano valore quando vengono trasmesse.