Tre giorni di lutto nazionale per Nizza

Cominciano oggi i tre giorni di lutto nazionale per Nizza, in memoria delle 84 persone che hanno perso la vita nella strage – l’ennesima – che ha colpito la Francia. La decisione del presidente François Hollande di indire tre giornate di lutto è stata comunicata ufficialmente dal primo ministro Manuel Valls: “il terrorismo costituisce una minaccia che pesa e peserà ancora a lungo sulla Francia. Il dolore nel paese è immenso” ha detto il premier, “ma i francesi sapranno reagire. Facciamo fronte alla guerra che ci sferra il terrorismo. L’obiettivo dei terroristi è di diffondere il panico, la paura, ma la Francia, come ricordava il presidente della repubblica ieri, è un grande paese e una grande democrazia, che non si lascerà destabilizzare”.

Nella strage, ad opera di un trentunenne franco-tunisino, hanno perso la vita anche 10 bambini. Intanto continuano in tutto il paese le manifestazioni di solidarietà per le vittime. Oltre alle tre giornate di lutto nazionale per Nizza, oggi alle 12 verrà osservato un minuto di silenzio in tutta la Francia. Proseguono anche le indagini, per determinare nel dettaglio le motivazioni dell’assassino. Mohamed Lahouaiej-Bouhlel è stato abbattuto dalla polizia dopo la folle corsa in tir che ha mietuto decine di vittime lungo la promenade des Anglais, mentre erano in corso i festeggiamenti per il 14 luglio.

Noto alla polizia per piccoli reati, sembra che la sua sia stata un’azione premeditata e preparata con cura per settimane. Per Manuel Valls, l’uomo che ha seminato il terrore a Nizza, è “senza dubbio legato all’Islam radicale. Più cauto, invece, il ministro dell’Interno Bernarde Cazeneuve: “non ci sono le prove di legami accertati tra l’attentatore e l’Islam radicale”. Alla luce dei fatti, si pensa di estendere lo stato d’emergenza, prolungandolo di tre mesi. Il progetto di legge a riguardo sarà esaminato in parlamento tra mercoledì e giovedì.

Tre giorni di lutto nazionale per Nizza

Vai alla home page di Lineadiretta24
Leggi altri articoli dello stesso autore

Twitter autore: @JoelleVanDyne_

Vuoi commentare l'articolo?

Viola D'Elia

Nata 27 anni fa, ha vissuto a Roma, Istanbul e in India. Sempre pronta a fare le valigie, sogna di vedere ogni angolo di mondo. Oltre a coltivare ambizioni alla Jules Verne, i suoi interessi includono accumulare libri, la musica e il cinema. E’ capace di commuoversi ogni volta che rivede Hugo Cabret; ama scrivere e fare domande, ma non riceverne. Specialmente di lunedì mattina. Crede fermamente nella filosofia di Big Fish: «Tenuto in un piccolo vaso il pesce rosso rimarrà piccolo, in uno spazio maggiore esso raddoppia, triplica o quadruplica la sua grandezza».