Totti sul Referendum: non usate la mia immagine

La campagna elettorale per il Referendum del 4 dicembre è entrata nella sua ultima settimana, di fuoco. Dopo gli endorsment spregiudicati  di chiunque godesse di un briciolo di fama, le dichiarazioni di Francesco Totti sul Referendum provano a gettare acqua sul fuoco.

Acqua mica tanto, poiché quella del capitano della Roma è una diffida a tutti gli effetti. Oggetto della disputa è un’immagine immortalata nel corso di una partita contro la Juventus, in cui Totti esultava con un soddisfatto “4 e a casa“, riferito ai quattro gol subiti dalla rivale; riportata nello scontro referendario l’immagine sembra fatta apposta per invitare tutti i cittadini, li 4 dicembre, a mandare a casa il governo Renzi.

Ma Francesco Totti si è subito opposto all’uso del suo nome, e di qualsiasi sua immagine, in favore dell’uno o dell’altro schieramento. La diffida è arrivata dai suoi canali ufficiali, dove il capitano ha dichiarato:

In riferimento alla circolazione sui social e nelle strade di Roma, durante gli ultimi giorni, di immagini che mi rappresentano legate a slogan referendari, diffido chiunque dall’utilizzo della mia immagine per scopi politici, tanto più nell’ambito del dibattito elettorale che dovrebbe essere circoscritto al civile confronto sul merito del referendum, evitando inutili strumentalizzazioni da parte dei due schieramenti referendari.

Forse nessuno se lo aspettava, ma è dal mondo del calcio, dunque, che arriva l’invito a mantenere la discussione sul referendum all’interno del suo ambito, senza strumentalizzazioni che ormai sono diventate grottesche più che inutili. Il 4 dicembre si avvicina, e ne vedremo ancora delle belle. Ma almeno Francesco Totti sul suo voto non si è sbilanciato, dando una lezione a tutti quei personaggi che in questi giorni stanno ridicolizzando il teatro politico con le loro esibizioni da macchiette.

 

@aurelio_lentini

 Torna alla home di Lineadiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

Vuoi commentare l'articolo?

Aurelio Lentini

Laureato in Scienze Storiche presso L'università Statale degli Studi di Milano, oggi conduce una piccola libreria online, collabora con varie testate online, scrive, e tenta di venire a capo del mondo prima che il mondo venga a capo di lui.