Torino: calciatore picchiato per razzismo

Torinese, partita di calcio di terza categoria tra l’Atletico Villaretto e la Mappanese. Un match tranquillo, se non fosse per le tensioni causate da un episodio di

Durante il match infatti, al gioco alquanto duro di un calciatore senegalese dell’Atletico, un giocatore della Mappanese avrebbe risposto con epiteti razzisti. Da lì, stando alle prime ricostruzioni, la difesa dei compagni di squadra per una vicenda che sembrava in un primo momento essersi risolta in campo.

Al rientro negli spogliatoi però, si sfiora la tragedia. Gianluca Cigna, calciatore ventottenne dell’ Atletico, sta bevendo una birra con un compagno nel bar antistante l’impianto sportivo, quando comincia a subire altre provocazioni da chi aveva offeso il calciatore senegalese in campo.

Secondo quella che al momento sembrerebbe essere la prima ricostruzione, Cigna perde la testa e lancia la birra al suo avversario. Quest’ ultimo lo aspetterà nel parcheggio del centro sportivo insieme ad altre persone, picchiandolo fino a a danneggiargli seriamente l’orbita oculare, a causa di una grave frattura.

«Quando sono uscito mi sono trovato il mondo addosso, mi ha sfasciato il cranio» avrebbe denunciato il capitano dell’Atletico Villaretto, operato nella giornata di ieri presso l’ospedale San Giovanni di Torino. Al momento non è però chiaro se il calciatore dilettantistico perderà o meno la vista dall’occhio ferito.

Merita gli onori della cronaca anche la difesa, tramite Facebook, dell’allenatore della Mappanese, il quale condanna il gioco fin troppo maschio da parte di Moundiaye Mbaie, il calciatore vittima degli epiteti a sfondo razzista.Picchiato per razzismoAQ

Torna alla homepage di lineadiretta24

Leggi altri artsso autore

@federicolordi93

Vuoi commentare l'articolo?

Federico Lordi