The Legend of Zelda, trepidante attesa per i fan

The legend of Zelda sta per offrire un nuovo capitolo della saga agli amanti del genere approdando direttamente su Wii. Il Gioco, ideato da Shigeru Miyamoto per Nintendo con le musiche di Kōji Kondō, si ispira al mondo immaginifico dell’infanzia di Miyamoto e racconta le avventure di Link nel tentativo di salvare la principessa Zelda dal malvagio Ganon. La salvezza di Zelda passa attraverso il recupero di otto frammenti di Triforza, ovvero una reliquia composta da tre differenti parti: la Triforza rossa del Potere, quella blu della Saggezza e infine quella verde del Coraggio. Il gioco vanta diciannove seguiti, tra cui il più conosciuto “Ocarina of Time” del 1998 per Nintendo 64, primo in grafica 3D. In “Ocarina of Time”, il giovane Link attraversa la terra di Hyrule per fermare il malvagio Ganondorf, determinato nell’impossessarsi della Triforza. Il tema dell’ocarina e le musiche annesse, giocano un ruolo fondamentale nell’avventura, dal momento che imparare melodie sullo strumento permette a Link di muoversi più velocemente nello spazio o risolvere numerosi enigmi. I fan sono in trepidante attesa per l’uscita del nuovo episodio su Nintendo Wii, visto che “The Legend Of Zelda” vanta un considerevole numero di seguaci, tanto da essere considerato come il gioco più bello di sempre. La sua valutazione  infatti, sul sito Metacritic, è la più alta di tutte con un punteggio di 99/100.

Per l’ultimo lavoro Eiji Aonuma, produttore del gioco di culto, sottolinea come sia importante l’opinione dei fan in modo da avere un prodotto in continua evoluzione. Ancora, aggiunge Aonuma, nonostante tanti fan sottolineino la grande importanza di Zelda e come abbia migliorato le loro vite, il gioco non ha mai avuto un intento pedagogico, né di messaggi  né di significati. Ancora non trapelano notizie certe sull’uscita dell’ultima creatura virtuale, cosa che non fa altro che aumentare a dismisura l’interesse e la curiosità di milioni di seguaci sparsi in tutto il mondo.

Vuoi commentare l'articolo?

Raffaele Patti