Stefano Farina è morto: lutto nel calcio italiano

STEFANO FARINA- Un grave lutto colpisce il mondo del calcio e quello arbitrale. All’età di 54 anni è morto Stefano Farina, ex arbitro internazionale e attuale responsabile della CAN B. Lascia la moglie e un figlio. Era malato da tempo ma, per tutelarne la privacy così come richiesto dalla sua famiglia, non era trapelato nulla.

IL COMUNICATO- “Il presidente dell’Aia Marcello Nicchi ed il vice Narciso Pisacreta, insieme ai componenti del Comitato nazionale, al responsabile del settore tecnico arbitrale Alfredo Trentalange, ai responsabili degli organi tecnici nazionali, ai componenti della Can B, Cristiano Copelli e Gabriele Gava, anche a nome dei 35.000 arbitri italiani, esprimono alla famiglia di Stefano profondo cordoglio e vicinanza”. Si legge nel comunicato dell’AIA che annuncia la scomparsa di Farina.

L’ULTIMO SALUTO DI NICCHI- “Caro Stefano, la tua partita, quella più importante, si è chiusa in un modo inaspettato, prematuramente, senza darti l’opportunità di concederti il recupero.Ti voglio, ti vogliamo ricordare, così come ti abbiamo conosciuto: un professionista meticoloso, a tratti puntiglioso ma anche simpaticamente giocoso; un grande arbitro ed un grandissimo dirigente, maestro formatore. Un padre, un marito e un amico, esemplare. La tua famiglia, e quella arbitrale, perdono un punto di riferimento. Il mondo del calcio perde un grande uomo di sport. Ciao “Principe”! Questo l’ultimo saluto del Presidente Aia Marcello Nicchi, affidato a una toccante lettera pubblicata sul sito dell’associazione italiana arbitri.

MINUTO DI SILENZIO IN SERIE A- Per ricordare Stefano Farina, il presidente della Figc Carlo Tavecchio ha disposto un minuto di silenzio nel prossimo week end su tutti i campi di calcio. Gli arbitri, di tutte le categorie, su indicazioni del Presidente dell’Aia, scenderanno in campo con il lutto al braccio. Analoga cosa, su invito della Figc, faranno le Nazionali di calcio.

Vai alla home page di LineaDiretta24.it

Leggi altri articoli dello stesso autore

 

Vuoi commentare l'articolo?

maurizio Gaddi