Sparatoria a Scampia, un morto e un ferito

Domenica pomeriggio a Scampia, celebre periferia di Napoli sempre al centro di spiacevoli eventi di cronaca  , è avvenuta una sparatoria che ha coinvolto due uomini appartenenti a clan mafiosi della zona. Si tratta di Francesco Angrisani, trentenne esponente di spicco del clan “Vanella-Grassi” con numerosi precedenti a carico all’interno del Parco Diana, e Antonio Pandolfi, ventenne senza precedenti ma legato al clan. Il primo sarebbe stato vittima di un agguato camorristico nei pressi della sua abitazione nel lotto G, mentre Pandolfi è stato probabilmente raggiunto involontariamente da uno dei numerosi spari rivolti ad Angrisani mentre entrava nella sala scommesse.

E’ probabile infatti che fosse solo lui l’obiettivo della sparatoria e che Pandolfi fosse lì per caso. I due sono stati soccorsi dagli abitanti della zona ma le corse all’ospedale per Angrisani sono state inutili. Pandolfi invece è in fin di vita nel reparto di rianimazione all’ospedale Cardarelli di Napoli. Sul luogo del delitto sono state trovate numerose scie di sangue.

Scampia è da tempo al centro di contese tra i vari clan della zona per il controllo del mercato della droga. Il clan “Vanella-Grassi” , di cui faceva parte Angrisani, annovera i cosiddetti “girati”, ovvero coloro che  sono entrati in contrasto con il più celebre clan della zona, il clan Di Lauro.

Vai alla home page

Leggi altri articoli dello stesso autore

sparatoria a scampia sparatoria a scampia sparatoria a scampia

Vuoi commentare l'articolo?

Anita Lazzari