Spal vola in Lega Pro

La Spal continua a volare. Ieri sera al Paolo Mazza gli Estensi superano di misura il Pontedera. I biancazzurri vincono 1 a 0 con gol di Finotto. Si tratta del decimo risultato utile consecutivo per la Spal che comanda la classifica del girone B di Lega Pro. Il Pontedera, invece, naviga nelle zone di metà classifica. Per i Granata è la seconda sconfitta consecutiva dopo il pesante crollo in casa a favore de L’Aquila Calcio 1927 per 2 a 1.

La capolista doveva rispondere al successo del Pisa di Gattuso che, sabato, aveva superato per 2 a 0 l’Arezzo. La partita al Paolo Mazza è combattuta e tutt’altro che scontata. Il Pontedera si dimostra una formazione solida e coriacea che non lascia spazi agli Estensi. Anzi, è una partita piuttosto nervosa. Sul tabellino dell’arbitro finiscono ben otto giocatori (tutti ammoniti, nessun espulso). I Granata, probabilmente, spendono molte energie nel primo tempo e questo consente alla Spal di prendere l’iniziativa nella ripresa. Sfiora il gol più volte, poi la svolta del match avviene attorno al ventesimo del secondo tempo. Il neo entrato Spighi, assieme a Mora, mette Finotto in condizione di battere Cardelli: Spal Pontedera 1 0. Trovato il vantaggio gli Spallini gestiscono il vantaggio senza problemi. Il Pontedera non ha la forza di reagire e la partita si trascina così fino al fischio finale di Di Ruberto.

Al Pontedera rimane la certezza di aver fatto una buona prova. Ripartire da qui per trovare più continuità di risultati e risalire un po’ la china della classifica, ora né troppo pericolosa né troppo rassicurante. Per la Spal, invece, questa vittoria significa aver mantenuto i nove punti di vantaggio sulla seconda, il Pisa di Gattuso. Per gli uomini di Semplici si tratta della terza vittoria consecutiva, sempre ottenuta con lo stesso risultato: l’1 a 0.

Twitter: @Francesco Nespoli

Vai alla home page di LineaDiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

Vuoi commentare l'articolo?

Francesco Nespoli

Laureato in lettere moderne all'università di Torino e in "Editoria e Scrittura" alla Sapienza. Appassionato di vari sport tra cui calcio, tennis e rugby ma di gran lunga il preferito non è tra questi. Si tratta, invece, del buon, caro, vecchio, sano subbuteo (s'intenda che parlo dell'old subbuteo e non della variante moderna definita con un asettico e privo di fantasia "calcio da tavolo"). Idolo indiscusso non può che essere l'ornitologo Peter Adolph accompagnato da P. P. Pasolini e dal cinico Nanni Moretti (quello di Palombella Rossa, in particolare).