Slitta il Cdm sull’antiterrorismo, e siamo a tre

alfano_ministero_interno

Terzo rinvio del Consiglio dei Ministri, che si sarebbe dovuto tenere oggi, riguardo il decreto sul pacchetto antiterrorismo.

Motivo? Non voler mettere troppa carne al fuoco in un periodo come questo, quando si sta decidendo chi sarà il nostro nuovo capo dello Stato, dice Palazzo Chigi.

Il decreto avrebbe dovuto contenere ii rifinanziamento delle missioni militari, ripristinando così i 4.250 militari nell‘operazione Strade Sicure a fianco delle forze dell’ordine; un potenziamento dell’intelligence; possibilità di fare colloqui in carcere e di rilasciare il permesso di soggiorno alle fonti dei servizi segreti; reclusione fino a dieci anni per chi va a combattere nei teatri di guerra; ritiro del passaporto per i sospetti. Il tutto è stato ovviamente potenziato dopo i fatti di Parigi. Sulla conferma del potenziato però, al momento, ci sono solo parole, visto che è già la terza volta che qui si rimanda.

A quando il prossimo “incontro”, ancora non è dato saperlo.

Fonti: Il Fatto Quotidiano

Twitter @IlariaPetta

Vuoi commentare l'articolo?

Ilaria Francesca Petta

Più di là che di qua, nel senso metaforico...ma anche letterale. Classe 1986, nasco sotto il segno dei gemelli, di cui sono una chiara rappresentazione. Senza terra sotto ai piedi, con uno spiccato senso internazionalistico, credo che l'Italia sia un Bel Paese in declino, legato ancora a un glorioso passato. Laureata in lingue e traduzione, mi sono immersa in questa odissea, chiamata giornalismo, a 26 anni..forse tardi, ma assicuro che sto recuperando in pieno. Masterizzata in Comunicazione e Media nelle Relazioni Internazionali girovago come tirocinante, al momento nella Commissione europea a Roma.