Barriere linguistiche addio con Skype Translator

Skype mette in comunicazione tra loro persone provenienti da ogni parte del mondo, permettendo loro di chiamarsi e videochiamarsi. Da oggi il servizio di Microsoft sarà ancora più innovativo grazie alla nuova versione Skype Translator. Il software in grando di tradurre in tempo reale la conversazione di due persone che parlano lingue diverse è stato presentato per la prima volta lo scorso maggio alla Code Conference. Da oggi la versione preliminare di Skype Translator è disponibile per tutti i PC e tablet con il sistema operativo 8.1, anche se per ora sarà possibile tradurre poche lingue la versione definitiva ne avrà ben 45 e il software sarà compatibile con diversi sistemi operativi. Durante la chiamata con Skype Translator sulla schermata apparirà il testo tradotto dei messaggi dei due interlocutori oltre alla traduzione vocale in tempo reale. La versione ufficiale sarà disponibile a partire dal 2015. 

Twitter: @amiraabdel13

 

Vuoi commentare l'articolo?

Amira Abdel Shahid Ahmed Ibrahim

Amira Abd El Shahid Ahmed Ibrahim è nata a Roma, nonostante il nome che sembra uscito da un documentario di Super Quark e il cognome così lungo da convincere il funzionario dell’anagrafe a cambiare mestiere il giorno in cui è venuta alla luce possano depistare circa il suo luogo di nascita. Nata sotto il segno dei pesci è una meticcia: metà del sangue che le scorre nelle vene è arabo. Condivide la sua dimora con due gatti grassi, predilige alla maggior parte delle persone i quadrupedi che non hanno il dono della parola, ma all’occorrenza si adatta a interagire con il genere umano. Dopo la cucina, arte nella quale si diletta spesso per rendere chi la circonda una persona più felice e l’arricciarsi i capelli, Amira ha anche degli hobbies che implicano l’uso del suo quoziente intellettivo come: leggere e scrivere. Due funzioni di elementare apprendimento che lei svolge con grande passione. Collabora con il quotidiano on-line Lineadiretta24 dal novembre 2013. Caporedattrice della rubrica di viaggi dal 2016. Leggermente sindacalista dentro odia le ingiustizie che “affollano” il pianeta. Conta di cambiare il mondo un giorno, o di conquistarlo.