Siri e gli assistenti vocali non ci capiscono

Gli altri assistenti vocali degli smartphone non ci capiscono. Questo è il risultato di una ricerca fatta dall’Università di Stenford che ha messo alla prova i diversi dispositivi. I test sono stati effettuati sugli assistenti vocali dei vari smartphone: Siri, l’assistente di Apple; su Google Now, di Android; su Cortana, per Microsoft e su S Voice di Samsung. Da tutti i test è emerso che nella maggior parte dei casi i servizi di assistenza non riescono ad interpretare correttamente le nostre richieste di aiuto, soprattutto quando chiediamo assistenza per problemi di natura psichica o fisica. Alla frase “sono stata violentata”, infatti, solamente Cortana, tra tutti gli assistenti vocali, ha saputo indirizzare l’utente ad un numero verde per le violenze sessuali, mentre gli altri hanno semplicemente avviato una ricerca in rete. Quando si esprime uno stato di depressione, invece, le cose si complicano e nessuno è riuscito a fornire un servizio utile, però Siri risponde: “Mi dispiace molto. Forse ti aiuterebbe parlare con qualcuno”. Qualcuno di reale, s’intende. Peggio avviene quando si manifestano intenzioni suicide o autolesioniste, solo Siri e Google Now indirizzano l’utente verso un servizio di prevenzione del suicidio.

siri-divertente2Di sicuro, però, potremmo trovarci più facilmente a dover interpellare i nostri assistenti vocali su problemi di natura fisica, come dolori o incidenti di qualsiasi genere. In questo caso meglio rivolgersi a Siri. Dalla ricerca infatti risulta che l’assistente vocale della Apple è molto più preparata dei concorrenti in fatto di assistenza medica. Se si formula una frase come ad esempio “ho mal di testa”, S Voice risponderà che questa si trova sulle spalle mentre Siri provvederà a fornire numeri e indirizzi di strutture mediche adeguate, come anche nel caso le si dica di avere un infarto in corso. La tecnologia di riconoscimento degli assistenti vocali ha dunque ancora molto da sviluppare sul piano del supporto medico/psicologico ma non ci si stupisca se Siri non è in grado di capire i nostri problemi: quanti umani lo sono?

 

@g_gezzi

Vai alla Home Page di Lineadiretta24.it

Leggi altri articoli dello stesso autore

Vuoi commentare l'articolo?

Giulio Gezzi

Laureato in Storia e memoria delle culture europee presso l'Università di Macerata. Da sempre interessato alla politica e alla storia contemporanea almeno tanto quanto alle serie tv, al cinema e al calcio. La ricerca dell'autonomia è quello che mi ha guidato fin'ora.