Serie A in campo per le olimpiadi

Serie A in campo per le olimpiadi nella prossima giornata di campionato, venti squadre calpesteranno il rettangolo verde indossando la maglia con il logo della candidatura di Roma alle olimpiadi 2024: il Colosseo dipinto con il tricolore sul petto dei bambini che accompagneranno i calciatori fuori dagli spogliatoi.

Mentre il No della Raggi è sempre più vicino e Grillo difende la sua punta di diamante laziale, il comitato promotore della candidatura non molla, e fa scendere la serie A in campo per le olimpiadi, i dieci stadi maggiori d’ Italia, faranno da cornice all’iniziativa “We want Roma 2024” come reciterà lo striscione che verrà esposto lungo il campo, poi sui maxischermi, prima del fischio di inizio, verrà trasmesso il video promozionale.

La risposta del primo cittadino è già chiara tra le righe dei suoi comizi :”Abbiamo trovato una città piena di problemi ma pronta a cambiare. Sapevamo che non sarebbe stato semplice riavviare la macchina amministrativa e che avremmo incontrato numerose opposizioni. Ma siamo qui, con umiltà e determinazione, a portare avanti il nostro lavoro al servizio dei cittadini. Sono i nostri valori: il M5S non si ferma davanti alle difficoltà e agli attacchi quotidiani di chi ci teme. Andiamo avanti, con coraggio. Tutti insieme cambieremo Roma e il Paese”. Rifiuti, scuole, trasporti, auto blu, fogne, sicurezza, polizia locale, debiti, non cederanno certo il passo alle olimpiadi, nella lunga scala delle priorità per la grillina, e per molti romani.

Confermata la decisione di Malagò circa l’impossibile ipotesi di un piano B davanti l’ennesimo rifiuto della Raggi, nessuna Torino o Milano, questa della Serie A in campo per le olimpiadi, sembra essere una delle ultime carte a disposizione per i promotori, pronti ad offrire anche la testa di Montezemolo pur di convincere il sindaco pentastellato.

 

Vai alla homepage di Lineadiretta24.it

Leggi altri articoli dello stesso autore

Twitter: @_MelaniaFusco_

 

Vuoi commentare l'articolo?

melania fusco

Classe 1982, romana e romanista doc, "fresco" avvocato con la grande passione per la scrittura e l'animo umano. "La penna è il mio pennello e realizzerò grandi opere di libertà".