Scosse nella notte: la terra continua a tremare

La terra continua a tremare: altre 10 discosse nella notte. Tra le province di Macerata, Rieti e l’Aquila l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia ha infatti registrato 10 scosse nella notte di magnitudo compresa tra 2 e 2.8, mentre la più forte (magnitudo 3.3) si sarebbe verificata intorno alle 5 di stamane. L’epicentro riguarda sempre la stessa zona: Monterale, Amatrice, Accumoli, Pizzoli, Capitignano, Campotosto, Barete.

Ad aggravare la situazione, il maltempo, per cui incombe il pericolo slavine: la frazione di Acquasanta Terme, Pozza (Ascoli Piceno), è stata appena evacuata dalla polizia per il rischio che la strada provinciale al di sopra di cui si erge l’enorme montagna possa essere sepolta da una slavina. Il pericolo c’è ed è evidente, considerato che Pozza è stata ricoperta da oltre 2 metri di neve e che è stato uno dei comuni colpiti dal sisma del 24 agosto. In effetti il leggero rialzo delle temperature e le scosse nella notte stanno aumentando il pericolo slavine. Nel frattempo le frazioni di Ascoli Piceno che erano rimaste isolate, sono state raggiunte, ma rimangono 800 utenze prive di elettricità.

In tutta questa immane catastrofe qualche buona notizia c’è e riguarda l’Hotel Rigopiano: alla disperazione per le trenta persone disperse in seguito alla slavina, ieri sono state tratte in salvo una decina di persone, tra cui anche quattro bambini. L’ultima è Ludovica Parete, figlia del cuoco Giampiero, sopravvissuto alla tragedia, che nella mattinata di ieri si era già ricongiunto con la moglie e il figlio. Dunque tanta gioia per una famiglia che si ritrova, mentre rimane tanta angoscia per i parenti delle persone ancora disperse. La speranza però è l’ultima a morire: le ricerche proseguono, i Vigli del fuoco e la Protezione Civile continuano instancabilmente a scavare. Intanto l’Ingv fa sapere che non ci sarebbe correlazione tra l’evento sismico e la slavina stessa.

Vai alla home page di LineaDiretta24
Leggi altri articoli dello stesso autore
Twitter: @ludovicapal

Vuoi commentare l'articolo?

Ludovica Pallotta