Sciopero Air France, voli a rischio durante gli Europei

Al via lo sciopero Air France: iniziato questa mattina, proseguirà per i prossimi quattro giorni. La compagnia aerea ha annunciato che per la giornata di oggi sarà cancellato circa il 30% dei voli. Il rischio è quello di gettare nel caos il trasporto aereo a sole poche ore dall’avvio di Euro 2016 in Francia. La compagnia ha comunque assicurato che i voli diretti nelle città dove si svolgono le partite non saranno cancellati. A incrociare le braccia saranno i piloti della Air France, unendosi a molte altre categorie di lavoratori che, in questi giorni, hanno scioperato in tutto il Paese, in segno di protesta contro le nuove leggi sul lavoro che rendono più facili i licenziamenti.

Lo sciopero Air France è stato confermato dopo che questa mattina i piloti hanno respinto la bozza di accordo proposta dalla direzione dell’azienda. La ricerca di un’intesa era volta a mettere fine ai conflitti interni che agitano la compagnia da diversi mesi. Intervenuto in conferenza stampa, il presidente della Air France Frédéric Gagey ha spiegato che “si proverà a ridurre al minimo l’effetto delle proteste”. Si dice preoccupato, invece, il primo ministro Manuel Valls per “l’eventuale impatto dello sciopero sugli europei di calcio”. In una situazione già tesa a causa dell’allerta terrorismo, gli scioperi potrebbero infatti pesare sul clima generale.

E proprio il governo del socialista Valls è al centro del dibattito incandescente in corso in questi giorni nel Paese. Lo sciopero Air France si unisce infatti a quello portato avanti in questi giorni dai netturbini di Parigi, che hanno deciso di estendere le proteste fino al 14 giugno. “Il governo si è rifiutato di trattare sulla contestata riforma del lavoro”, questa la motivazione che ha spinto i sindacati a respingere le pressioni del governo.

 

Vai alla home page di LineaDiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

Twitter autore: @JoelleVanDyne_

Vuoi commentare l'articolo?

Viola D'Elia

Nata 27 anni fa, ha vissuto a Roma, Istanbul e in India. Sempre pronta a fare le valigie, sogna di vedere ogni angolo di mondo. Oltre a coltivare ambizioni alla Jules Verne, i suoi interessi includono accumulare libri, la musica e il cinema. E’ capace di commuoversi ogni volta che rivede Hugo Cabret; ama scrivere e fare domande, ma non riceverne. Specialmente di lunedì mattina. Crede fermamente nella filosofia di Big Fish: «Tenuto in un piccolo vaso il pesce rosso rimarrà piccolo, in uno spazio maggiore esso raddoppia, triplica o quadruplica la sua grandezza».