Salva un agnello: al via le campagne animaliste

Salva un agnello. Da anni ormai le associazioni animaliste (e non) organizzano campagne contro la mattanza di agnelli in vista della Pasqua e così anche quest’anno prendono il via.

Lo slogan adottato da Animal Equality quest’anno è ‘Questa Pasqua salva un agnello’ con l’hashtag #salvaunagnello. L’ong, giunta al quinto anno di attività, ha scelto per la campagna 2017 Tullio Solenghi come testimonial: “anche l’agnello è un cucciolo. Risparmia la sua vita, non solo a Pasqua, ma tutto l’anno” dice l’attore tenendo tra le braccia un’agnellina, Cesarina (tra gli animali salvati dai mattatoi rifugiati a Nepi). Come dargli torto? Guardate questo video postato nel gruppo facebook “Sei Vegano se”, dove si sottolineava “Ecco come preferiamo vedere gli agnellini in questo periodo… liberi e felici che corrono su un prato e NON FATTI A PEZZI in un supermercato. Perchè in fondo non c’è nessuna differenza fra loro ed i cuccioli di cane e gatto”. Così al grido degli animalisti si uniscono anche associazioni volte alla promozione del “veganesimo”, come VeganOk e Thegreenplace, che quest’anno si sono fatte promotrici della campagnia #iononmiabbacchio, per cui Chiara e Red Canzian sono i testimonial d’eccezione.

Intanto una campagna animalista sembra essere stata organizzata da diverse associazioni animaliste contro la Coop Centro Italia per l’iniziativa “Agnello e prezzo tutto a metà”: così recita uno scontrino emesso da un supermercato di Chiusi. Nello stesso scontrino si specifica peraltro “valido per l’acquisto di una confezione di metà agnello con testa e corata dal 2 aprile al 14 aprile 2017”: gli animalisti non ci stanno e così, qualche giorno dopo, aprono una petizione sul sito Change.org, che sembra aver ottenuto un grande successo: 3.000 firme solo nel primo giorno, per poi raggiungere le 27.000 in una settimana. Per appoggiare la causa, a Firenze sono stati organizzati due presidi, di cui uno previsto l’8 marzo in Piazza della Repubblica.

Vai alla home page di LineaDiretta24
Leggi altri articoli dello stesso autore
Twitter: @ludovicapal

Vuoi commentare l'articolo?

Ludovica Pallotta