Roma città apersa: la satira di Crozza

C’è un sindaco in sala?” così ha esordito Crozza nel suo monologo dedicato alle amministrative di Roma e andato in onda ieri su La7 all’interno del programma Crozza nel Paese delle Meraviglie.

I candidati ci sono ma sembrano messi lì apposta per perdere… Tutti i partiti più che le primarie hanno fatto le perdiarie. Fidatevi, Roma non la vuole nessuno… È come il gioco della poltrona in cui perde chi rimane in piedi, qui perde chi si siede”. E così nella sua satira non risparmia nessuno, destra, sinistra e Movimento 5 stelle: “pur di non vincere il centro destra ha messo Bertolaso, Marchini, Meloni, Storace, un bel poker d’assi… Vi pare che questi signori qui voglioni vincere?” E continua “Si stanno talmente sulle balle loro che tolgono il gusto di stare sulle balle a noi”. Il centro destra appare completamente spaccato al suo interno, per cui se infatti inizialmente a metà febbraio tutti avevano individuato il candidato sindaco nella persona di Guido Bertolaso, ora la Lega Nord appoggia Giorgia Meloni, che si sarebbe riproposta, dopo essersi tirata indietro a causa della sua gravidanza, forse proprio per permettere al suo partito di “gareggiare” per il Campidoglio. Allo stesso tempo Ncd e fittiani sostengono la candidatura di Alfio Marchini; mentre ad appoggiare l’ex capo della Protezione Civile è rimasto Berlusconi.
Crozza quindi continua con la sua satira passando al Pd che per le amministrative di Roma ha candidato Roberto Giachetti, ma…“chi cazzo è Roberto Giachetti?” o il Movimento 5 stelle che ha escluso la candidatura di un Di Maio ad esempio per favorire quella di Virginia Raggi per cui Crozza dice: “come notorietà rispetto alla Raggi Giachetti è Lady Gaga”.

Insomma in questo grande caos, tra candidature di basso profilo o comunque di personaggi poco noti e spaccature interne ai partiti, sembra che per il Campidoglio si giochi a perdere: “Roma città apersa”. Qui il video.

 

Vai alla home page di Linea Diretta24
Leggi altri articoli dello stesso autore

 

Twitter: @ludovicapal

Vuoi commentare l'articolo?

Ludovica Pallotta