Robert Vaughn: muore uno dei “Magnifici sette”

Il noto attore americano Robert Vaughn si è spento a New York l’11 novembre all’età di 83 anni, dopo aver lottato lungamente contro la leucemia: lo rende noto la Bbc. Figlio di due attori, Marcella Frances, attrice di teatro, e Gerald Walter Vaughn, attore radiofonico, fa la sua prima apparizione in tv nel 1955, in un episodio della serie televisiva Medic, per poi interpretare altri 200 ruoli in diverse serie tv, quali La tata, Walker Texas Ranger, Colombo, Law & Order e tanti altri.

Il successo giunge nel 1964, quando diventa il protagonista della famosa serie tv The Man from U.N.C.L.E., impersonando l’affascinante agente segreto Napoleon Solo, al fianco di David McCallum. Ma Vaughn aveva già ottenuto notorietà nel 1959 per aver ricevuto la nomination all’Oscar come miglior attore non protagonista nel film I Segreti di Filadelfia e l’anno successivo era stato poi uno dei protagonisti del western I magnifici sette, interpretando Lee, un pistolero incaricato di proteggere un villaggio contadino. Forse è stato proprio quest’ultimo film a renderlo celebre, tanto da guadagnarsi anche la stella della Hollywood Walk of Fame. Da lì nel ’68 recitò al fianco del grande Steve McQueen nel film di Peter Yates, Bullit; più o meno negli stessi anni interpretò il ruolo del Generale Hunt Stockwell nella serie televisiva A-Team. Successivamente ricordiamo invece la sua partecipazione nei film L’inferno di cristallo (1974) e Superman III (1983); mentre la sua ultima apparizione sul grande schermo risale al 2012, nel film The Magnificent Eleven, regia di Jeremy Wooding.

Candidato più volte al Golden Globe, Robert Vaughn va ricordato anche come una delle celebrità più attive in campo politico e sociale, data la sua partecipazione alle proteste contro la guerra del Vietnam, al fianco dell’amico Robert Kennedy.

Vai alla home page di LineaDiretta24
Leggi altri articoli dello stesso autore

Twitter: @ludovicapal

 

 

Vuoi commentare l'articolo?

Ludovica Pallotta