Renzi attacca Raggi su Mafia Capitale. La sindaca: «Non siamo mica il PD.»

Renzi attacca Raggi e, l’attacco arriva durante una lezione del premier ai giovani della scuola di formazione del Partito Democratico, in cui Renzi si è destreggiato tra accuse rivolte al M5S e la sua propaganda per il SÌ a Referendum.

Il premier apre l’incontro con un sarcasmo senza precedenti: «Pensate che avrebbero detto se Muraro fosse del Pd? In fondo la svolta della Raggi è dare la gestione dei rifiuti a una donna collegata totalmente a Mafia Capitale, a quelli che c’erano prima. La doppia morale dei 5 Stelle fa ridere i polli.» Ma prontamente la Sindaca Raggi, rimette i tasselli al posto giusto scrivendo sulla sua pagina Facebook: «Affari con Mafia Capitale? Non siamo mica il PD. I cittadini sanno che quel sistema lo hanno creato loro e noi lo stiamo combattendo.» E continua: «Il premier quando è in difficoltà, e ultimamente capita spesso, prova a distogliere l’attenzione e a cambiare argomento. Forse è nervoso perché si avvicina la data del Referendum sulle finte riforme. E i confronti in TV lo vedono in grossa difficoltà. Piuttosto di concentri sul disastro economico del governo sui dati della disoccupazione giovanile, sulla fallimentare politica estera e sull’emergenza migranti. Buon lavoro.»

Infine la Sindaca Raggi aggiunge: «Attendiamo ancora di sapere cosa ha fatto con i fondi delle cene elettorali con Buzzi. Il PD non crederà mica che l’abbiamo dimenticato?»

Torna alla HomePage Lineadiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

Twitter: @valeriasantare2

Vuoi commentare l'articolo?

Valeria Santarelli

Classe 1994, nasce sotto il segno del Leone di cui rispecchia i pregi ma anche i difetti: vede il mondo in bianco o in nero, in sintesi non la vedrete mai vestita di grigio! A breve laureata in Lettere, da sempre appassionata di libri, cinema e scrittura, ha le idee molto chiare su quello che farà in futuro e spera di vederle realizzate. Follemente attratta dalle cose belle della vita, sogna di viaggiare in tutto il mondo e di potersi definire giornalista un giorno.