Referendum Catalogna, vince il diritto all’indipendenza

Si è concluso il contestatissimo referendum per l’indipendenza catalana. Il SI ha ottenuto il 90% dei voti. Hanno partecipato 2,2 milioni di elettori, sui 5,3 aventi diritto. Il NO ha ottenuto solamente il 7,8%. La polizia spagnola è entrata in azione a Barcellona con diverse irruzioni in moltissimi seggi per tentare di impedire le operazioni di voto. Moltissime anche le cariche in diversi punti della città, cariche che, unite alle irruzioni nei seggi, avrebbero provocato, secondo le fonti spagnole, oltre 844 feriti.

I cittadini catalani si sono guadagnati il diritto ad uno Stato indipendente“, ha affermato il presidente catalano Carles Puigdemont. Poi ha lanciato un appello all’Europa nella speranza che smetta di ignorare la crisi catalana, ma anche le violazioni dei diritti umani di cui, a suo parere, si è resa responsabile la Spagna: “L’Ue non può continuare a guardare dall’altra parte, abbiamo guadagnato il diritto di essere rispettati in Europa”. Tuttavia, a seguito delle violenze susseguitesi per tutta la domenica, ha aggiunto: “Lo stato spagnolo ha scritto oggi una pagina vergognosa della sua storia in Catalogna“.

La partecipazione degli aventi diritto al voto avrebbe potuto raggiungere almeno il 55% in senza l’intervento nei seggi della polizia spagnola. Le schede conteggiate, circa 2,262 milioni, sono circa il 42,2% dei 5,3 milioni di aventi diritto: 770mila elettori erano iscritti infatti nei 400 seggi chiusi dalla polizia. Per questo motivo si ritiene che la maggior parte delle persone contrarie all’indipendenza non abbia votato.

Migliaia di sostenitori dell’indipendenza, che si erano radunati in Plaza Catalunya, hanno esultato all’annuncio dei risultati, mentre sulla piazza di Barcellona sventolavano le bandiere stellate dell’indipendenza catalana. È stato reso noto che martedì in Catalogna ci sarà uno sciopero generale atto a denunciare la repressione dello stato spagnolo. È stato Jordi Cuixart, presidente di Omnium, (insieme con l’Anc una delle due grandi organizzazioni della società civile indipendentista) ad annunciarlo.

Vai alla home page di LineaDiretta24
Leggi altri articoli dello stesso autore
Twitter: @Claudia78P

Vuoi commentare l'articolo?

Claudia Pellegrini

Nasce a Sora nel lontano 1978. Cresce divorando libri di ogni genere e consumando penne su fogli di quaderno. Tra una storia e l’altra si diploma al Liceo Classico, e sceglie di lasciarsi alle spalle la Ciociaria ed i gatti per tentare la fortuna a Roma dove, nel corso degli anni, consegue prima una Laurea Magistrale in Lettere Moderne, e poi, più per noia ed abitudine che per amore dello studio, ritorna nei corridoi della Sapienza per conseguirne un’altra in Editoria e Scrittura. Lettrice seriale e maniacale (toglietele tutto ma non i suoi libri), “gattara” e pizzaiola, divoratrice di film horror e serie tv, nonostante sia ormai un reperto archeologico ancora non ha trovato la sua strada nel mondo. Forse è nascosta tra le pagine di un libro magari scritto proprio da lei.