Isis, curdi irrompono a Bruxelles

Decine di curdi, da due settimane accampati di fronte all’edificio dell’Eurocamera di Bruxelles, hanno fatto irruzione oggi nel Parlamento Ue per denunciare la situazione a Kobane, chiedere la creazione di uno Stato curdo e la liberazione di Abdullah Ocalan. Erano circa settanta, dopo aver sfondato l’ingresso, sono entrati brandendo bandiere di Ocalan fino al cuore del Parlamento europeo, al grido di “Isis terroristi, turchi terroristi”. I manifestanti si sono fermati pacificamente al terzo piano, ma prima Arife Soysuren ha gridato: “Non ci avete voluto ascoltare e allora siamo entrati, non è questione di curdi, è una questione di esseri umani: l’Isis sta massacrando la nostra gente, i nostri bambini, stanno vendendo le nostre donne nei mercati, cosa attendete per attaccare, un altro massacro?”
Nello stesso momento, anche all’aerporto di Fiumicino andava inscena una manifestazione, mentre già ieri i decine di curdi si erano mobilitati allo scalo Charles de Gaulle di Parigi ed a Strasburgo, Bordeaux e Rennes, 250 a Marsiglia e un centinaio all’aeroporto di Zaventem, Bruxelles.

Vuoi commentare l'articolo?

Costanza Giannelli

Nasce e cresce (poco, in realtà) in Toscana. Nel 2013, dopo la laurea in Storia Contemporanea si trasferisce a Roma, dove approda alla redazione di Lineadiretta24. Lettrice onnivora e incontenibile logorroica, è appassionata di politica, diritti, storia, De Andrè e Scrubs, non necessariamente in quest’ordine. Curiosa di natura e polemica per vocazione, ama l’India e colleziona lauree, ma giura che la terza sarà l’ultima.

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->