Rinnovata di 45 giorni la custodia cautelare per Patrick Zaki

Rinnovata di altri 45 giorni la custodia cautelare presso il carcere del Cairo di Patrick Zaki, studente egiziano dell’Università di Bologna accusato di propaganda sovversiva. A riferirlo è una sua legale, Hoda Nasrallah, in seguito all’udienza che si è svolta ieri al Cairo.

La decisione del tribunale egiziano ha scaturito la reazione di Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia: “Siamo di fronte a un vero e proprio accanimento giudiziario da parte dell’Egitto nei confronti di Patrick. Questi nove mesi e mezzo trascorsi che diventeranno ormai 11 con questo rinnovo di detenzione preventiva, chiamano in causa l’inerzia dell’Italia, l’assenza di un’azione forte. Mi chiedo cos’altro ci voglia dopo il rinnovo della detenzione di Patrick e tre arresti di fila dei dirigenti della sua organizzazione per i diritti umani (Eipr, ndr) per un’azione diplomatica molto forte nei confronti dell’Egitto”. Ieri – prosegue Noury – aveva detto in udienza che il suo Paese dovrebbe essere orgoglioso di aver un’eccellenza così ricca, così bella, all’estero in un master prestigiosissimo come quello dell’università di Bologna. Evidentemente all’Egitto questo non importa, le eccellenze le lascia in carcere“.

Patrick Zaki è un giovane studente ricercatore di 27 anni dell’Università di Bologna che dal 7 febbraio però è detenuto in Egitto. Il sette febbraio scorso Patrick era di ritorno nel suo paese natale per far visita ai genitori, ma è stato arrestato appena atterrato all’aeroporto del Cairo, trattenuto per ore, interrogato, torturato ed infine accusato.
Il motivo del suo arresto risiede esclusivamente nelle opinioni politiche espresse sui social e nel suo impegno per difendere i diritti umani.  Patrik infatti lavora per l’Egyptian Initiative for Personal Rights (EIPR), come ricercatore sui diritti umani e di genere. I capi d’imputazione sono “diffusione di false notizie che disturbano l’ordine sociale, incitamento a proteste per minare l’autorità e incitamento alla destituzione del governo”.

Che non sia un altro Giulio Regeni.

 

Vai alla homepage di LineaDiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

Twitter: @amiraabdel13

Vuoi commentare l'articolo?

Amira Abdel Shahid Ahmed Ibrahim

Amira Abd El Shahid Ahmed Ibrahim è nata a Roma, nonostante il nome che sembra uscito da un documentario di Super Quark e il cognome così lungo da convincere il funzionario dell’anagrafe a cambiare mestiere il giorno in cui è venuta alla luce possano depistare circa il suo luogo di nascita. Nata sotto il segno dei pesci è una meticcia: metà del sangue che le scorre nelle vene è arabo. Condivide la sua dimora con due gatti grassi, predilige alla maggior parte delle persone i quadrupedi che non hanno il dono della parola, ma all’occorrenza si adatta a interagire con il genere umano. Dopo la cucina, arte nella quale si diletta spesso per rendere chi la circonda una persona più felice e l’arricciarsi i capelli, Amira ha anche degli hobbies che implicano l’uso del suo quoziente intellettivo come: leggere e scrivere. Due funzioni di elementare apprendimento che lei svolge con grande passione. Collabora con il quotidiano on-line Lineadiretta24 dal novembre 2013. Caporedattrice della rubrica di viaggi dal 2016. Leggermente sindacalista dentro odia le ingiustizie che “affollano” il pianeta. Conta di cambiare il mondo un giorno, o di conquistarlo.