A 30 anni dalla scomparsa il Senato omaggia Eduardo de Filippo

L’ironia ed il genio di Eduardo De Filippo salutarono per l’ultima volta il pubblico il 31 ottobre 1984, lasciando il teatro italiano del Novecento orfano del suo attore/autore più grande, padre di testi intramontabili come Napoli Milionaria, Questi fantasmi!, Natale in casa Cupiello. Questa mattina, a Palazzo Madama, il Presidente Pietro Grasso aprirà, con il suo intervento, la “Cantata delle parole chiare. Voci dal teatro di Eduardo in Senato”. Sarà Luca De Filippo a ricordare la figura del padre. Lo farà leggendo alcuni passaggi dell’ intervento in Aula svolto da Eduardo il 23 marzo 1982 quando il senatore a vita affrontò, in un’interpellanza all’allora ministro di Grazia e Giustizia, la condizione dei giovani detenuti nell’Istituto “Filangieri” di Napoli, i ragazzi di Nisida, che saranno presenti con una delegazione di allievi del loro laboratorio teatrale. Il Maestro Nicola Piovani eseguirà un estratto riarrangiato della sua opera tratta dal poemetto scritto da Eduardo De Filippo dal titolo Padre Cicogna. La cerimonia, trasmessa in diretta televisiva, è realizzata da Rai Parlamento, da RaiTre e Rai5 e dal canale satellitare e webtv del Senato.

Vuoi commentare l'articolo?

Claudia Pellegrini

Nasce a Sora nel lontano 1978. Cresce divorando libri di ogni genere e consumando penne su fogli di quaderno. Tra una storia e l’altra si diploma al Liceo Classico, e sceglie di lasciarsi alle spalle la Ciociaria ed i gatti per tentare la fortuna a Roma dove, nel corso degli anni, consegue prima una Laurea Magistrale in Lettere Moderne, e poi, più per noia ed abitudine che per amore dello studio, ritorna nei corridoi della Sapienza per conseguirne un’altra in Editoria e Scrittura. Lettrice seriale e maniacale (toglietele tutto ma non i suoi libri), “gattara” e pizzaiola, divoratrice di film horror e serie tv, nonostante sia ormai un reperto archeologico ancora non ha trovato la sua strada nel mondo. Forse è nascosta tra le pagine di un libro magari scritto proprio da lei.