Fase due: cosa si può e non si può fare stando al nuovo Decreto

Stando al testo del nuovo decreto, approvato il 26 aprile, ecco punto per punto cosa si potrà e non si potrà fare dal 4 maggio in poi. 

Consentiti gli spostamenti per comprovate necessità e anche per andare a trovare i congiunti.

Sono consentiti solo gli spostamenti  motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità, ovvero per motivi di salute. È consentito uscire per incontrare congiunti, compresi fidanzati stabili e affetti stabili -parenti fino al sesto grado- rispettando il divieto di assembramento e il distanziamento interpersonale di almeno un metro, utilizzando sempre sistemi di protezione delle vie respiratorie.

È vietato trasferirsi o spostarsi, con  mezzi  di trasporto pubblici o privati, in un’altra regione se non per esigenze lavorative o per motivi di salute. In ogni caso è consentito il rientro presso il proprio  domicilio, abitazione o residenza. 

Le persone con  sintomatologia  da  infezione  respiratoria  e temperatura maggiore di  37,5°C  devono  restare presso il proprio domicilio e contattare il proprio medico curante. 

Consentito l’accesso ai parchi pubblici ma vietata ogni forma di assembramento.

È  vietata ogni forma di assembramento in  luoghi pubblici e privati. L’accesso a parchi, ville  e  giardini pubblici è consentito mantenendo la distanza di sicurezza  interpersonale di un metro. A discrezione del sindaco la chiusura dei luoghi pubblici dove non si possono rispettare le norme di sicurezza. Resteranno chiuse le aree gioco per i bambini. Ancora chiusi gli impianti dei comprensori sciistici.

Consentita l’attività fisica e motoria all’aperto.

È  consentito  svolgere  in maniera individuale  attività’  sportiva  o motoria all’aperto, non necessariamente nei pressi del proprio domicilio, nel rispetto della distanza di sicurezza di almeno due metri per l’attività sportiva e di un metro per quella motoria. Si può andare in bicicletta se da soli e non più solo in prossimità dell’abitazione.

Ancora sospesi gli eventi e le  competizioni  sportive  di  ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici  o  privati. Le  sessioni  di  allenamento  degli  atleti, professionisti e  non  professionisti riconosciuti  di  interesse nazionale  dal  CONI,  dal Comitato Italiano Paralimpico (CIP) e dalle  rispettive  federazioni, in  vista  della  loro  partecipazione  ai  giochi   olimpici o manifestazioni nazionali ed internazionali, sono  consentite nel rispetto  delle distanze di sicurezza, a porte chiuse, per gli atleti di discipline  sportive individuali. Restano chiuse: palestre, centri sportivi, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali, centri culturali, sociali e ricreativi. 

No a feste private o assembramenti con amici.

Ancora sospese le manifestazioni, gli eventi  e  gli spettacoli di qualsiasi natura  con  la  presenza  di  pubblico. Divieto anche per feste private nelle  abitazioni.

Si potranno celebrare i funerali con regole rigide.

Sospese  le cerimonie civili e religiose, sono consentiti i funerali con l’esclusiva partecipazione di congiunti fino  ad  un massimo   di   quindici persone. Le funzioni devono essere svolte preferibilmente all’aperto, indossando adeguate protezioni  delle vie respiratorie e rispettando sempre  la  distanza  di almeno un metro. 

Continua lo stop per le scuole, le lezioni verrano svolte da remoto.

Ancora sospesi i servizi educativi, le scuole, di ogni ordine e grado, non riapriranno.  Sono  esclusi  dalla  sospensione i corsi di formazione specifica in medicina generale.

I ristoranti potranno operare attraverso la consegna a domicilio e l’asporto.

I servizi di ristorazione possono continuare ad operare attraverso la consegna a domicilio e iniziare a preparare pasti da asporto, con l’obbligo di rispettare la distanza di sicurezza di almeno un metro e il divieto per le persone di sostare in prossimità del ristorante e di consumare cibo all’interno del locale. 

Parrucchieri e centri estetici ancora chiusi, probabile riapertura il primo giugno.

È raccomandato ai datori di lavoro, ove possibile, di favorire lo smart working, di promuovere la fruizione dei periodi di congedo ordinario e di ferie. Devono essere incentivate le operazioni di sanificazione dei luoghi di lavoro.

 

Vai alla homepage di LineaDiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

Twitter: @amiraabdel13

 

Vuoi commentare l'articolo?

Amira Abdel Shahid Ahmed Ibrahim

Amira Abd El Shahid Ahmed Ibrahim è nata a Roma, nonostante il nome che sembra uscito da un documentario di Super Quark e il cognome così lungo da convincere il funzionario dell’anagrafe a cambiare mestiere il giorno in cui è venuta alla luce possano depistare circa il suo luogo di nascita. Nata sotto il segno dei pesci è una meticcia: metà del sangue che le scorre nelle vene è arabo. Condivide la sua dimora con due gatti grassi, predilige alla maggior parte delle persone i quadrupedi che non hanno il dono della parola, ma all’occorrenza si adatta a interagire con il genere umano. Dopo la cucina, arte nella quale si diletta spesso per rendere chi la circonda una persona più felice e l’arricciarsi i capelli, Amira ha anche degli hobbies che implicano l’uso del suo quoziente intellettivo come: leggere e scrivere. Due funzioni di elementare apprendimento che lei svolge con grande passione. Collabora con il quotidiano on-line Lineadiretta24 dal novembre 2013. Caporedattrice della rubrica di viaggi dal 2016. Leggermente sindacalista dentro odia le ingiustizie che “affollano” il pianeta. Conta di cambiare il mondo un giorno, o di conquistarlo.