News – Ventinove giorni di Fabio Lo Re

Fino al 10 giugno le opere dell’artista accompagnano lo spettatore in un percorso fatto da immagini di oggetti provenienti dalla quotidianità restituiti da un fascio di luce attraverso un’operazione degna di un sonar. Particolari anatomici, piccole teste e altri poveri oggetti sono portati alla ribalta dal raggio inquisitore di una torcia, rappresentazione dello sguardo dell’autore, della sua soggettività in cerca di punti di orientamento. Perché il buio? È una scelta. Fabio Lo Re si confronta con l’inospitale esprimendo il disagio del vivere.

 

Vuoi commentare l'articolo?

Silvia Vetere

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->