News – Unesco: Langhe, Roero e Monferrato patrimonio dell’umanità

A decretarlo il Comitato dell’Organizzazione, che per la sua 38a sessione si è riunito quest’anno a Doha, in Qatar. Si tratta di un’area vastissima, che si estende per 10 mila ettari a racchiudere ben 29 comuni. Da qui provengono i tre quarti della produzione enoica piemontese, compresi alcuni dei vini più noti al mondo, dal ‘Re dei vini’, il Barolo, all’Asti Spumante alla Barbera (da declinarsi al femminile, come vuole la tradizione). «Un punto di partenza e non di arrivo», afferma il presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino, ma una grande soddisfazione per chi negli ultimi anni si è battuto per raggiungere questo risultato. Come Roberto Cerrato, presidente dell’Associazione del patrimonio dei paesaggi vitivinicoli di Langhe, Roero e Monferrato, costituita nel 2010 da Regione Piemonte e dalle province di Asti, Alessandria e Cuneo per sostenere la candidatura dell’area. È il 50° sito italiano a ricevere il prestigioso riconoscimento, e conferma l’Italia come vero e proprio ‘Paese delle meraviglie’ al primo posto nella classifica Unesco (al secondo la Cina con 45 certificazioni). Da oggi, ogni volta che avrete la fortuna di assaporare uno di questi calici, sappiate che avete tra le mani una delle bellezze più preziose al mondo, e ricordatevi di fare un brindisi a chi dice che con la cultura non si mangia.

 

Vuoi commentare l'articolo?

Fabrizio Papitto

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->