News – Esselunga, ha ragione il padre

La faida familiare era iniziata nel 2011, in quanto dopo la concessione di Caprotti delle azioni della società ai suoi eredi in nuda proprietà, decise di riprenderne il controllo. La Corte d’Appello di Milano ha respinto il ricorso presentato dai figli di Caprotti, confermando le conclusioni del lodo arbitrale sulla proprietà delle azioni del gruppo, favorevoli al padre.

Vuoi commentare l'articolo?

désirée canistrà

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->